Quantcast

Indovina dove: Il nascondiglio della Madonna Sistina

Domenico Ferrari Cesena è nato in un mondo governato da Roosevelt, Stalin, Hitler e Churchill, quando l’Italia era un regno retto da Pio XII e da Benito. Però, ha visto la luce in aperta campagna, ma non proprio sotto un cavolo, anche se c’è mancato poco. 

Il nascondiglio della Madonna Sistina
 
Località Caminata di San Sisto, Gragnano Trebbiense.
La si raggiunge da Gragnano percorrendo la strada maestra in direzione Agazzano, prendendo, quasi in fondo al paese, a destra per Campremoldo Sopra e svoltando a sinistra all’incrocio a circa 2 km da Gragnano. Per avere maggiori informazioni clicca qui 
 
La Caminata di San Sisto è un antico complesso rurale sito in aperta campagna nel comune di Gragnano Trebbiense. Nel medioevo era una fattoria fortificata; il centro aziendale, con caratteristiche castrensi ancora visibilissime, era circondato da un fossato alimentato dalle acque del Trebbia. 
Nel 1433 fu portata dal suo proprietario in dote al Monastero di San Sisto. Vi risiedeva tutto l’anno un frate incaricato dal monastero di controllare la coltivazione del fondo e curare gli interessi della proprietà. Fu per due giorni (18 e 19 giugno 1799) il quartier generale austro-russo durante la battaglia del Trebbia; vi risiedette in quei giorni il generale Suvorov. Confiscata da Napoleone nel 1805 insieme a tutto il patrimonio di San Sisto, restò di proprietà del demanio dello Stato fino al 1864, quando il Regno d’Italia la privatizzò.
Nel novembre del 2012 un geometra, che faceva i rilievi necessari a trasferire alcuni edifici antichi, fino a quella data considerati rustici, dal catasto terreni al catasto fabbricati, attraverso le sue misurazioni scoprì in uno di quegli edifici l’esistenza, ignota a tutti, di un piccolo locale privo di accessi. Un pertugio praticato in uno dei muri mostrò che il locale conteneva solo uno scartafaccio ingiallito. 
La storia che lo scartafaccio racconta, se fosse vera, sarebbe di un certo interesse.
È noto che, all’inizio del Cinquecento, il Papa Giulio II incaricò Raffaello, che stava lavorando per lui nelle Stanze Vaticane, di dipingere un quadro per l’altar maggiore della nuova chiesa del monastero di San Sisto a Piacenza. Ne risultò un grandissimo capolavoro, uno dei quadri più belli dipinti dalla mano dell’uomo: la Madonna Sistina. Essa fu inaugurata con la chiesa nel 1514. I padri di San Sisto fecero fare nel corso dei due secoli successivi alcune copie del dipinto, una delle quali risultò di qualità miracolosamente vicina a quella del quadro di Raffaello; per sicurezza e per pigrizia, questa copia fu utilizzata per periodi sempre più lunghi al posto dell’originale, che era invece spesso chiuso nel suo nascondiglio segreto. Pochissimi anche tra i padri sapevano dell’esistenza della copia, che divenne sostanzialmente un segreto che si trasmettevano gli abati e i loro segretari. A chi si recava a Piacenza per vedere la Madonna Sistina veniva mostrata con probabilità molto alta la copia, che però era quasi bella quanto l’originale. Capitò così anche all’abate Bianconi, che nel 1752-53 negoziò con il monastero l’acquisto del dipinto per conto dell’Elettore di Sassonia, e al pittore-restauratore Carlo Giovannini, che fu incaricato dall’Elettore di fare una perizia sul quadro prima della partenza e lo accompagnò nel suo viaggio da Piacenza a Dresda.
A quel tempo, uno dei segretari dell’abate e il frate comandato alla Caminata erano fratelli di sangue. Nessuno dei frati era più contrario alla cessione della Madonna Sistina dei due fratelli. Consegnarono a Giovannini la copia anziché l’originale; quando la copia fu imballata per la partenza, convinsero l’abate (che aveva altro per la testa) a nascondere l’altro dipinto (che era in realtà l’originale) alla Caminata per evitare la facile accusa di aver spedito la copia. Il frate di stanza alla Caminata affidò la sua verità allo scartafaccio, che murò col dipinto. Sull’altare fu messa un’altra copia, di qualità enormemente inferiore, quella siglata G.M. che ancora vi si trova. I fratelli pensavano di far riaffiorare l’originale quando la situazione in Sassonia e in generale in Europa l’avesse permesso. Ma non avevano previsto rivolgimenti così profondi come quelli di fine Settecento, che travolsero anche il monastero. 
In quale momento, tra il gennaio del 1754 e il novembre del 2012, venne estratto dal suo rifugio segreto l’originale di Raffaello? A opera di chi? Per portarlo dove? Nel 1892, lo storico svizzero Ludwig Jelinek, non si sa sulla base di quali indizi, suggerì che, al momento della spedizione del dipinto, fosse successo qualcosa di simile a quanto raccontato nello scartafaccio. Fu sonoramente smentito con una batteria di documenti autentici, che furono accettati da tutti anche se non provavano niente. 
 
Bibliografia: E. Gazzola, “La Madonna Sistina di Raffaello. Storia e destino di un quadro”, ed. Quodlibet, Macerata, 2013.
 
Domenico Ferrari Cesena è nato in un mondo governato da Roosevelt, Stalin, Hitler e Churchill, quando l’Italia era un regno retto da Pio XII e da Benito. Però, ha visto la luce in aperta campagna, ma non proprio sotto un cavolo, anche se c’è mancato poco. Nella grande casa che gli ha dato i natali è tornato ad abitare da 18 anni, dopo i 25 trascorsi in California a Berkeley nelle vesti di docente e ricercatore di computer science. Oltre ad alcuni libri illeggibili ai più, nel 2010 ha pubblicato “Terre piacentine” con Giovanni Zilioli. Lotta da anni contro i deturpatori del paesaggio e dei nostri beni culturali come Don Chisciotte contro i mulini a vento, con gli stessi risultati. 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.