PiacenzaSera.it -  Notizie in tempo reale, news a Piacenza, cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Italian Gospel Choir per la Ferrero: il concerto più “dolce” dell’anno foto

Emozioni, intensità, gioie e la solita carica dirompente del coro Gospel Nazionale hanno fatto breccia nel cuore della Ferrero che ha ospitato gli “Azzurri” nella propria Fondazione ad Alba 

Un Natale di musica, cuore, dolcezze e energia allo stato puro. Così il coro Nazionale Italian Gospel Choir ha incantato i 400 ospiti presenti nell’Auditorium della Fondazione Piera, Pietro e Giovanni Ferrero di Alba, in provincia di Cuneo che l’altra sera, ha celebrato il consueto concerto di Natale con il coro.

Una serata indimenticabile per lo spettacolo messo in scena dagli “azzurri” che, capitanati dal piacentino Francesco Zarbano e dal friulano Alessandro Pozzetto, hanno offerto ai presenti emozioni uniche. Per l’occasione il coro si è presentato con una formazione ridotta di circa 60 elementi, sempre provenienti da tutta Italia, adattandosi alle esigenze degli spazi offerti ma non per questo facendo venir meno le oramai note caratteristiche sonore e musicali

Ad accompagnare i coristi un’impeccabile Italian Big Orchestra capitanata da un altro piacentino doc il M° Max Repetti e anche altri musicisti nostrani come il M° Giulio Baravelli al basso e il M° Jordi Tagliaferri alle percussioni che hanno interpretato, al meglio, i brani eseguiti. Alessandro Pozzetto, direttore di Italian Gospel Choir, ha dato lustro alla sua potente voce, in particolare, lanciandosi in virtuosismi su brani come “Amazing Grace”, “White Christmas” e nello strepitoso fuori programma di “With A Little Help From My Friend” dei Beatles riarrangiato, per l’occasione, nella versione offerta al grande pubblico da Joe Cocker e che Pozzetto, duettando con il coro, ha eseguito alla perfezione, graffiante e “black”.

Un’atmosfera magica nella quale il coro ha potuto mostrare le proprie doti vocali di alto livello. Una miscela esplosiva quella generata dalle ottime capacità canore dei cantanti coristi e dalla tradizione afroamericana che il genere impone ottenendo, di fatto, un impatto sonoro finale che ha visto, l’elegante e raffinato pubblico della Fondazione Ferrero, alzarsi in piedi più volte per cantare, muoversi e commuoversi ai ritmi del Gospel energico targato “Italian”.

“Sono grato di cuore alla Ferrero per questa opportunità” – così Francesco Zarbano presidente dell’Italian Gospel Choir – è bello sapere che ci sono società italiane come la Ferrero che ancora investono e credono nell’arte e nella cultura. Questo concerto vorrei dedicarlo a tutte le persone meravigliose che abbiamo conosciuto in Fondazione e ai miei ragazzi”.

Nel coro Nazionale era presente un’importante compagine piacentina formata dalle soprano: Elena De Matteis, Blenda Fanzola, Marilena Mazzeo, Irene Nobile, Rosalba Pitzalis, Concetta Pollio, Elisabetta Talpo, Silvia Trebbi, Valentina Ottoboni, dalle contralto: Orsola Botti, Elena Braghieri, Elisa Filiberti, Valeria Marras, Franca Pozzi, Michela Pradovera, Marcella Romersi, dai tenori: Delio Bianchi, Mauro Cantonetti, Davide Croci, Francesco Di Gianni, Alessandro Marchi, Jacopo Nobile, Alberto Toma e dai Bassi: Pierluigi Borsa, Paolo Caricati e Massimo Faggioli che ha saputo tenere alto il nome di Piacenza esaltandone, di fatto, una delle parti artistiche migliori. Due ore, quindi, di canti, preghiere e momenti di riflessione alternati ad un energia fuori dal comune, per questa nuova performance che entra di diritto nel palmares dell’Italian Gospel Choir e che va ad impreziosire le prestigiose partecipazioni del coro che sta entrando sempre di più nel cuore degli italiani.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.