Quantcast

Notte tra le stelle della Valtidone con Santa Giustina foto

Notte tra le stelle della Valtidone, ospiti di Gaia Bucciarelli e dell’azienda agricola Santa Giustina. 

Più informazioni su

Notte tra le stelle della Valtidone, ospiti di Gaia Bucciarelli e dell’azienda agricola Santa Giustina. Nel suggestivo borgo, incastonato tra tra Pianello, Monte Canino e Arcello, si è tenuta nei giorni scorsi una degustazione esclusiva dei pregiati vini della cantina Santa Giustina, in abbinamento ad alcune produzioni tipiche di aziende della Valtidone. Quale modo migliore per esaltare le qualità di un territorio, se non fonderle insieme, come ha deciso di fare la padrona di casa, coinvolgendo nella serata l’azienda Mieli Emanueli, il pastificio Nonna Clara, il consorzio Grana Padano e il salumificio Chiarone?

Compito dello chef stellato Fabrizio Ferrari preparare un menù che riuscisse ad armonizzare tante primedonne della tavola. Ed ecco quindi un antipasto nel segno della tradizione, con salumi piacentini, miele e grana, accompagnati dallo spumante Santa Giustina, seguito da tortelli con la coda e cialda di grana padano riserva, serviti con Anricus, gutturnio riserva. Lo stesso abbinamento è stato scelto per i panzerotti piacentini, con porcini secchi e fonduta di taleggio, seguiti da risotto rosso con gorgonzola naturale fuso, esaltato dal gutturnio frizzante doc Santa Giustina. Sempre lo stesso vino è stato servito con il confit di coscia di polletto al miele di acacia e fior di sale di Cervia. Una scelta dal gusto più deciso, come I Muri Colli Piacentini Doc, sempre di Santa Giustina, è andata in abbinamento ai vasetti di chutney di mela, limone, rosmarino e cotechino al vino rosso, per poi arrivare alla chiusura in dolcezza con la confettura di mele tatin e biscotto, servita con Stellato, vino passito di Malvasia.

Tra i partner della serata anche “Le mele di Oleg”, prodotte da Oleg Reni, marito di Gaia, nel frutteto dell’azienda agricola La Stalla, uno dei tanti tasselli che compongono il progetto imprenditoriale Santa Giustina. Grazie all’intraprendenza e alla creatività di Gaia, infatti, accanto ai vigneti e alla cantina, si sono sviluppate numerose attività. Il borgo ospita eventi dedicati all’arte, alla musica e alla cucina e, non da ultimo, è la location ideale per matrimoni e ricevimenti, grazie alla sua collocazione suggestiva. Ultimo arrivato, ma per questo non meno importante, il progetto La Stallina, laboratorio didattico dedicato ai più piccoli, ispirato alle tecniche del Reggio Approach. 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.