Quantcast

Rifondazione: “Ostilità in consiglio sul registro delle unioni civili”

Carlo Pallavicini, capogruppo Sinistra per Piacenza in Consiglio Comunale, che denuncia un fatto da lui definito "irritante" accaduto lo scorso martedì durante la Conferenza dei Capigruppo, convocata per stabilire quando terminare la discussione iniziata il giorno precedente sul registro delle coppie di fatto

“Non capendo come i diritti delle persone possano costituire motivo di simile ostilità a una pratica amministrativa, continueremo a fare la nostra parte per l’istituzione del registro delle coppie di fatto”. Ad affermarlo è il consigliere Carlo Pallavicini, capogruppo Sinistra per Piacenza in Consiglio Comunale, che denuncia un fatto da lui definito “irritante” accaduto lo scorso martedì durante la Conferenza dei Capigruppo, convocata per stabilire quando terminare la discussione iniziata il giorno precedente sul registro delle coppie di fatto.

“Non era mai successo – racconta Pallavicini – che un tema la cui discussione fosse già iniziata non venisse calendarizzato per la seduta successiva. Tuttavia, la presidenza ha chiesto di dare per lunedì prossimo 9 dicembre la precedenza alla pratica del mercato ortofrutticolo. Nonostante la contrarietà di Sinistra per Piacenza, è passata la decisione di discutere questo tema lunedì prossimo.  Sinistra per Piacenza ha però chiesto di uscire dalla Conferenza con anche una data per la continuazione del tema coppie di fatto, ond’evitare di costituire un pericoloso precedente (torniamo a ripetere che mai un tema la cui discussione fosse giàiniziata era stato rimandato di oltre una settimana)”.

“La destra – prosegue – si è ovviamente opposta. Sinistra per Piacenza ha quindi chiesto che la calendarizzazione per il 16 dicembre venisse messa ai voti (per poter rimanere a verbale). La votazione si è fatta e il centrosinistra più la rappresentante del M5S hanno votato favorevolmente: si discuterà quindi il 16.  Ma, non bastasse questa stranezza, si è a quel punto aperta la discussione  sul tipo di Consiglio Comunale da convocare, se a termine orario o sino al termine dell’argomento. Porre l’orario di chiusura, soprattutto considerando i 109 emendamenti presentati dalla destra, significa che sarà  praticamente impossibile che il 16 si concluda la discussione. Sinistra per Piacenza a questo punto ha chiesto che si votasse anche sull’orario di chiusura, nei nostri intendimenti senza termine, ma stavolta solo la rappresentante grillina ha votato come noi. Il PD e le liste civiche sue satelliti hanno votato contro”.

“Nel corso della seduta abbiamo udito argomentazioni fra il ridicolo e il farsesco (“vorrete mica approvare una cosa simile sotto natale”). Morale della favola: il 16 continuerà la discussione (con una settimana di ritardo), ma a ameno di un miracolo, nel quale continuiamo a confidare, questa non terminerà e ci si riconvocherà…a gennaio.
Non capendo come i diritti delle persone possano costituire motivo di simile ostilità a una pratica amministrativa, continueremo a fare la nostra parte per l’istituzione del registro delle coppie di fatto. Nel frattempo, volgendo al positivo alcuni argomenti inopportuni che abbiamo ascoltato, auguriamo buon natale a tutte le persone che si amano ancora discriminate dalla legge”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.