Quantcast

Unieuro, 11 ore di incontro. Paparo: “Passi avanti” foto

Si è concluso dopo una maratona di 11 ore, alle 20,30, l'incontro in Provincia tra i rappresentanti dei lavoratori e la nuova proprietà di Unieuro sulla sorte dei lavoratori dei centri direzionali di Piacenza e di Monticello d'Alba

Più informazioni su

AGGIORNAMENTO – Si è concluso dopo una maratona di 11 ore, alle 20,30, l’incontro in Provincia tra i rappresentanti dei lavoratori e la nuova proprietà di Unieuro sulla sorte dei lavoratori dei centri direzionali di Piacenza e di Monticello d’Alba. A rischio ci sono 180 posti di lavoro e la trattativa si trascina ormai da diverse settimane. L’incontro non è stato risolutivo, ma l’assessore provinciale al Lavoro Andrea Paparo ha affermato che sono stati compiuti “passi avanti”.

Sul tavolo ci sono gli incentivi all’uscita per i lavoratori in esubero e l’utilizzo degli ammortizzatori sociali per quanto riguarda ai centri direzionali, mentre è confermato che il magazzino di Piacenza resterà attivo. “Abbiamo formulato una proposta – ha affermato Paparo – di mediazione sulle risorse a disposizione che è sul tavolo della proprietà, e al vaglio delle assemblee dei lavoratori. E’ confermata la cassa integrazione di 2 anni con la possibilità che il 30 per cento dell’attuale forza lavoro interessata, circa 180 persone, possa essere ricollocata nel corso dei prossimi mesi. Una prospettiva esclusa all’inizio. Ci ritroveremo in Provincia il 10 dicembre prossimo per un nuovo incontro”.  

IL PRESIDIO dei lavoratori

Dopo l’incontro con il Ministro dello Sviluppo Economico Flavio Zanonato di martedì sera, mercoledì mattina era in calendario un altro momento importante per la definizione del futuro dei lavoratori di Unieuro. In Provincia l’assessore al lavoro Andrea Paparo ha incontrato, a porte chiuse, i rappresentanti sindacali e quelli dell’azienda. Un incontro, con al centro la salvaguardia di alcuni dei posti di lavoro insieme al nodo relativo agli incentivi, iniziato intorno alle 9.30 e che in serata risultava ancora in corso. 

Gli stessi lavoratori hanno fatto ancora una volta sentire la loro presenza con un presidio organizzato in concomitanza con l’inizio dell’incontro di fronte agli uffici della Provincia (nelle foto)


Paola De Micheli (Pd): “Ministro Zanonato sul caso Unieuro disponibile ad aprire tavolo nazionale”

“Dopo la sua visita a Piacenza, il ministro per le Attività Produttive Flavio Zanonato mi ha confermato la piena disponibilità ad aprire un tavolo nazionale sulla vicenda Unieuro e ad incontrare i lavoratori che rischiano il posto a seguito dell’accordo con Marcopolo Expert”. Lo afferma la vicecapogruppo vicario alla Camera del Partito Democratico Paola De Micheli, che nelle settimane passate aveva presentato un’interrogazione parlamentare ad hoc.

“Come sostenuto di fronte ai lavoratori – aggiunge la De Micheli – invitati all’incontro, Zanonato mi ha ribadito lo sforzo del suo Ministero per la tutela dell’occupazione e per creare le condizioni perchè non vi sia un impoverimento produttivo del territorio”.

“E’ del tutto comprensibile che i lavoratori, che stanno vivendo una condizione drammatica, attendano risposte certe e che l’utilizzo degli ammortizzatori sociali e della cassa integrazione possa essere considerata una soluzione soltanto provvisoria. Sono certa altresì – conclude – che i sindacati sapranno cogliere la disponibilità fornita dal Ministro per un incontro a Roma per affrontare nel dettaglio, insieme ai tecnici del suo dicastero, le azioni concrete per superare positivamente questa crisi”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.