Quantcast

Al Municipale torna l’opera. Le FOTO de “Il furioso all’isola di San Domingo” foto

Dopo 138 anni torna al Municipale di Piacenza Il furioso all’isola di San Domingo l’opera semiseria di Gaetano Donizetti, terzo titolo della Stagione Lirica 2013-2014 della Fondazione Teatri di Piacenza

Più informazioni su

Dopo 138 anni torna al Municipale di Piacenza Il furioso all’isola di San Domingo l’opera semiseria di Gaetano Donizetti, terzo titolo della Stagione Lirica 2013-2014 della Fondazione Teatri di Piacenza. Le foto in anteprima sono relative alla rappresentazione di venerdì 31 gennaio per le scuole. L’opera va in scena il 2 febbraio alle 15,30 e il 4 febbraio alle 20,30 in questo allestimento realizzato per la prima volta con una scena concepita da Lele Luzzati che non vide mai la luce; dal punto di vista musicale verrà eseguita per la prima volta l’edizione critica di Maria Chiara Bertieri in preparazione presso la Fondazione Donizetti di Bergamo. 
Un bozzetto ritrovato. Così si potrebbe quindi intitolare la storia di questo nuovo allestimento de Il Furioso all’isola di San Domingo. Molti anni fa il Teatro dell’Opera Giocosa di Savona chiese al Maestro Luzzati di tratteggiare un’ipotesi per la scenografia di un nuovo allestimento del Furioso. Era infatti nell’aria una trasferta internazionale dell’ente savonese proprio al Teatro di Santo Domingo, nella Repubblica Dominicana. Una serie di eventi avversi fece poi sì che l’ipotesi sfumasse e fu così che il bozzetto realizzato da Luzzati finì in una scatola chiusa in soffitta, destinato ad essere quasi dimenticato. 
In anni molto più recenti e dopo la scomparsa del Maestro, lo scenografo Michele Olcese venne quindi incaricato dal Teatro savonese di verificare la consistenza e la realizzabilità dell’allestimento sulla base del bozzetto “ritrovato”. Olcese ebbe così l’onere e l’onore di trasformare il semplice bozzetto del Maestro in una scenografia reale, oggetto della nuova coproduzione attuale. Luzzati aveva ipotizzato una scena dipinta (secondo la migliore tradizione scenografica italiana) sui cui vari elementi appaiono affastellati in un rigoglioso collage le fantasie tropicali dell’Henri Rousseau, pittore francese a cavallo fra Otto e Novecento tanto amato e così spesso utilizzato come ispirazione da Luzzati (dal cartone animato de Il Flauto Magico all’Aquiloni di Paolo Poli).

Il mondo di Rousseau, pittore al suo tempo sottovalutato ed addirittura deriso dai contemporanei per la sua pittura naïf fortemente bidimensionale, in realtà combacia appieno con quello di Luzzati, non solo per la predisposizione all’utilizzo nello stile del cartone animato o del pop-up, ma anche e soprattutto per la poeticità serena e suggestiva che esso comunica. 

L’ottimo lavoro d’équipe intrapreso da Olcese insieme a Francesco Esposito e a Santuzza Calì (inseparabile duo artistico con Luzzati) ha permesso di portare alla luce questo piccolo gioiello donizettiano che, per come è stato pensato – primo fra tutti Emanuele Luzzati – sa di fiaba, di antico, di qualcosa di bello ormai forse quasi del tutto perduto.
L’allestimento di questo Furioso, per la regia di Francesco Esposito, è stato creato con scene di Michele Olcese da un progetto inedito di Lele Luzzati, e costumi di Santuzza Calì. Il cast comprende il baritono Simone Alberghini (Cardenio), il soprano Paola Cigna (Eleonora), il tenore Francesco Marsiglia (Fernando), il basso Leonardo Galeazzi (Bartolomeo), il soprano Marianna Vinci  (Marcella) e il basso buffo Filippo Morace (Kaidamà). Il Maestro Giovanni Di Stefano dirigerà l’Orchestra Giovanile Luigi Cherubini; a completare il cast il Coro del Teatro Municipale di Piacenza diretto da Corrado Casati. 
 
Per info e biglietti è possibile rivolgersi alla biglietteria del Teatro Municipale di Piacenza, in via Verdi 41, al numero di telefono 0523.492251 o al fax 0523.320365 o all’indirizzo mail biglietteria@teatripiacenza.it

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.