Natale di solidarietà, a Gragnano raccolti 350kg di alimenti

L'iniziativa promossa dal locale circolo del Movimento Cristiano Lavoratori. I generi alimentari raccolti andranno alle famiglie in difficoltà del territorio 

Si è chiuso nei giorni scorsi il tradizionale “Natale di solidarietà” indetto come ogni anno dal consiglio direttivo del circolo Mcl (Movimento Cristiano Lavoratori) di Gragnano (Piacenza). L’evento come vuole la tradizione si apre alla vigilia della festività dell’Immacolata e si chiude nella giornata dell antivigilia del Natale con una raccolta di generi alimentari non deperibili, attraverso appositi contenitori grazie alla collaborazione di negozi e supermercati del territorio, per preparare poi nelle ore imminenti alla festa della Natività la strenna Natalizia da distribuire alle famiglie in difficoltà nell’unità pastorale locale segnalate all’organizzazione dai rispettivi parroci.

Anche quest’anno la generosità dei gragnanesi e della clientela delle attività commerciali che hanno collaborato all’iniziativa, grazie anche alla sensibilità di alcuni imprenditori locali, ha permesso di raccogliere circa 350 kg di generi alimentari, 250 dei quali distribuiti alle famiglie in difficoltà già alla vigilia di Natale. Nei giorni seguenti Babbo Natale, è passato nelle vie del paese per raccogliere 50 kg di alimenti, che nei prossimi mesi saranno donati alle famiglie in difficoltà del territorio.

Ha completato il programma delle manifestazioni organizzate in occasione delle festività Natalizie da parte del Mcl gragnanese la tradizionale visita ai lavoratori che anche nella Notte della Natività erano impegnati nella loro attività lavorativa. “Un natale impegnativo per i nostri volontari – commenta il presidente Umberto Morelli – ma con un risultato straordinario viste le difficoltà che vivono quotidianamente le famiglie delle nostre comunità: già un mese fa in occasione della festa del Ringraziamento erano stati raccolti circa 150 kg di generi alimentari poi consegnati alle suore scalabriniane di Casaliggio per le loro opere caritative, alla Caritas diocesana e alle famiglie in difficoltà della comunità gragnanese”.

“Come circolo di un movimento di testimonianza evangelica, solidarietà e volontariato, abbiamo quanto mai concretizzato sia il messaggio che ogni anno “il bambino di Betlemme ci porta, sia quello del S. Padre Francesco che ci chiede come parte integrante della Chiesa universale di non “dimenticarsi dei poveri e di non essere Cristiani da salotto”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.