Quantcast

Più di un milione di km percorsi per 49mila servizi. Il bilancio di Anpas

Oltre un milione e 500mila chilometri percorsi, per quasi 49mila servizi effettuati sul territorio. Sono i numeri che mostrano l’impegno del comitato provinciale Anpas di Piacenza, coordinato da Paolo Rebecchi, per l’anno che si è appena concluso

Più informazioni su

Oltre un milione e 500mila chilometri percorsi da 95 mezzi, per quasi 49mila servizi effettuati sul territorio. Sono i numeri che mostrano l’impegno del comitato provinciale Anpas di Piacenza, coordinato da Paolo Rebecchi, per l’anno che si è appena concluso.

14 le Pubbliche Assistenze che compongono il Comitato Provinciale con 8442 soci: – P.A. Valdarda (Fiorenzuola D’Arda-Lugagnano-Vernasca) – P.A. Valvezzeno (Gropparello) – P.A. S.Giorgio (San Giorgio) – P.A. Valnure (Pontedell’Olio) – P.A. Croce Azzurra (Ferriere) – P.A. Croce Verde (Morfasso) – P.A. S.Agata (Rivergaro-Gossolengo) – P.A. Valtrebbia (Travo) – P.A. Valtidone-Valluretta (Castelsangiovanni) – P.A. Monticelli (Caorso-Monticelli-Castelvetro) – P.A. Cortemaggiore – P.A. Carpaneto Soccorso (Carpaneto Piacentino) – P.A. Croce Bianca (Piacenza) – P.A. Calendasco (Calendasco). 1819 i volontari impegnati nel 2013;

Associazioni convenzionate con l’AUSL per il servizio d’emergenza e di trasporto ordinario, nascono tutte come istituzioni civili e laiche di pubblica utilità che svolgono la loro azione in modo permanente e gratuito, subordinatamente alla debita formazione dei circa 2000 volontari degli equipaggi d’emergenza coordinata e gestita dal 118 di Piacenza: nella grande molteplicità di interventi e appuntamenti cui è stata chiamata a prender parte, la realtà volontaria delle nostre Pubbliche Assistenze ha saputo distinguersi per la sua presenza di rilievo.

Il 2013 dell’ ANPAS Comitato di Piacenza ha infatti avuto inizio presto con il Progetto sul tema della sicurezza stradale GINS – Giovani IN Sicurezza, ospite dell’Istituto Tecnico Industriale “E. Fermi” – settore Tecnologico – di Ascoli Piceno nei giorni del 23 e del 24 Gennaio. Precoce anche il servizio di apertura d’anno della Protezione Civile del nostro circuito provinciale, chiamata ad intervenire alle prime luci dell’11 Febbraio a seguito della comunicazione di allertamento pervenuta dai sistemi metereologici.

Un’azione di rilievo del nucleo ANPAS di Protezione Civile provinciale che ha trovato continuità e riscontro teorico il 20 Febbraio con la lezione aperta prevista nel calendario del Corso gratuito per la Cittadinanza, predisposto annualmente dalla Pubblica Assistenza Croce Bianca di Piacenza, tenuta dall’ Assessore Regionale alla Sicurezza territoriale, alla Difesa del suolo e della costa e alla Protezione Civile Paola Gazzolo. Se nel Maggio 2012 l’impegno e le risorse erano state incanalate nella gestione del sisma, nel Maggio 2013 la forza di ANPAS si è vista impiegata nella sua totalità nell’ 86^ edizione dell’Adunata Nazionale degli Alpini che ha avuto come teatro Piacenza nelle giornate del 10, dell’11 e del 12 del mese. Contestualmente alle Istituzioni e agli organi di competenza della città e della Provincia, anche il Comitato ANPAS di Piacenza ha infatti attivato il suo apparato di pianificazione sistematica per calibrare le proprie risorse sul servizio sanitario locale, di quello che risulta a tutt’oggi essere non solo una manifestazione di grande tradizione e significativo prestigio, ma anche l’evento itinerante più ingente d’Italia. La forza impegnata da ANPAS conformemente alle disposizioni del planning è stata considerevole: tre i presidi sanitari assemblati in Via Farnesiana, in Piazzale Marconi e in Via Verdi, consistenti rispettivamente in un Posto Medico Avanzato a configurazione medico-infermieristica, in un Punto di Prima Assistenza a sola configurazione infermieristica e in un Punto di Primo Intervento; 17 le ambulanze dedicate con turni di 24 ore predisposte per andare a costituire una rete di mezzi dislocati per le vie della città, a loro volta coadiuvate da un servizio di Auto Trasporto Medico assistenziale, Moto e Pulmini in pronta reperibilità, oltre 200 volontari che hanno offerto la loro disponibilità per essere impiegati in turni diurni e notturni. La fine di questo maggio 2013 colmo di gratificazione per questa grande sfida superata è stata segnata dalla partecipazione al 14° Meeting Nazionale della Solidarietà tenutosi a Bologna dal 24 al 26 del mese.

Tra le notevoli personalità che quest’anno sono state ospiti del Comitato Provinciale, da citare è sicuramente Lysa Walder, paramedico del soccorso londinese che nel marzo 2013 ha tenuto fede alla sua promessa di percorrere gli oltre mille Km della Via Francigena una volta guarita dalla sua malattia, con l’obbiettivo di sostenere e sensibilizzare la popolazione nei confronti dell’attività di “Medici Senza Frontiere”.

Oltre a rivestire un ruolo da protagonista nei settori storici dell’emergenza e del trasporto sanitario, l’odierna realtà emiliano romagnola dell’Associazione Nazionale delle Pubbliche Assistenze ha poi continuato ad abbracciare con perizia e competenza anche gli ambiti della Protezione civile, delle Attività sociali, della Formazione, delle iniziative di Solidarietà, Cooperazione e Adozioni internazionali, e il distretto del Servizio Civile. Al riguardo può dirsi considerevole infatti in questo 2013 il bilancio del Bando di Servizio Civile Nazionale che alla sua uscita, il 4 Ottobre, ha approvato e finanziato il progetto ANPAS Emilia Romagna attribuendo ben trenta posti alle sole sedi della Provincia di Piacenza così ripartiti: tre volontari assegnati alla Croce Bianca di Piacenza, quattro a Cortemaggiore, Pontedellolio, San Giorgio, Carpaneto e Rivergaro, due a Travo e Castel San Giovanni.

Altro notevole traguardo firmato ANPAS Comitato di Piacenza è stato quello raggiunto il 13 novembre con il Corso di Disostruzione Pediatrica organizzato dalla Pubblica Assistenza Val Vezzeno. A ruota ha seguito il 23 Novembre l’avvio del 1° corso per truccatori ANPAS della nostra Provincia, aperto sia agli operatori delle 14 Pubbliche Assistenze, che alla cittadinanza interessata.

Di rilievo anche la forte collaborazione con l’Associazione Progetto Vita capitanata dalla Dottoressa Daniela Aschieri di cui Alessandra Grana di ANPAS segue il gruppo dei Formatori di Comunità. In un periodo storico complesso come quello attuale – sottolinea l’Anpas piacentino – il movimento risulta essere una risorsa insostituibile del welfare locale, regionale e nazionale”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.