Riuscita la celebrazione di S. Antonio a Trevozzo di Nibbiano

Anche quest’anno è stata celebrata la tradizionale festa di Sant’Antonio Abate a Trevozzo di Nibbiano. L’appuntamento storico (da oltre un secolo viene festeggiato il santo dall’intera comunità trevozzese) ha visto anche quest’anno, nonostante la pioggia che ha caratterizzato l’intera giornata, la presenza di numerosi animali alle ore 15 quando Don Virgilio ha impartito la consueta benedizione sul sagrato della chiesa agli amici animali.

Più informazioni su

Anche quest’anno è stata celebrata la tradizionale festa di Sant’Antonio Abate a Trevozzo di Nibbiano. L’appuntamento storico (da oltre un secolo viene festeggiato il santo dall’intera comunità trevozzese) ha visto anche quest’anno, nonostante la pioggia che ha caratterizzato l’intera giornata, la presenza di numerosi animali alle ore 15 quando Don Virgilio ha impartito la consueta benedizione sul sagrato della chiesa agli amici animali.

Da cinque anni l’iniziativa si è sviluppata in tanti altri momenti importanti e conviviali, a partire dalla degustazione di polenta (accompagnata da ragu’ o gorgonzola) che, unitamente alla Zuppa di Ceci e ai panini con il cotechino, hanno richiamato tante persone nell’oratorio di Trevozzo allestito per l’occasione.
Alle ore 15:30 si è svolta nell’antica chiesa dedicata a Santa Maria Assunta (già Pieve) l’esibizione degli alunni della scuola primaria di Trevozzo, che da sempre contribuiscono a rallegrare l’appuntamento: quest’anno, gli allievi si sono cimentati con letture (in italiano e in dialetto piacentino) riferite al mondo animale, oltre ad una rappresentazione animata sul “fuoco di
Sant’Antonio” e la recita di proverbi legati al Santo.

La loro esibizione (che ha gremito per l’occasione tutta la chiesa) è stata piacevolmente intervallata all’esibizione degli “Affinity Of Souls”, ensemble musicale piacentino molto importante nell’ambito musicale piacentino e nazionale : Maria Paoloa Busconi al violoncello, Marina Sartini e Emanuela Goi al flauto hanno accompagnato i piccoli artisti con brani celebri ed hanno
terminato la loro esibizione con la colonna sonora di Ennio Morricone: la musicalità degli strumenti hanno risuonato nell’antica Pieve e piacevolmente incantato i presenti.

Al termine sono stati premiati i “Trevozzesi Benemeriti” : un appuntamento sempre molto sentito dalla comunità locale e che ha visto la consegna, da parte degli organizzatori e delle autorità presenti, di un attestato di merito al Coro “Allegra Compagnia” di Trevozzo, che da vent’anni (esattamente dal 31 gennaio 1993) animano le messe domenicali (e quelle principali) della chiesa di Trevozzo e che rappresenta un punto di riferimento importante per la parrocchia : a ritirare il premio, consegnato dal sindaco Alessandro Alberici, erano presenti Passerini Anna e Vittorina, presenze storiche nella corale trevozzese.

Altro attestato di merito è stato consegnato a Piero Bengalli, classe 1929, detto “il Baffo” conosciuto e stimato per la sua decennale attività di commercio in Frutta e Verdura, presente in tutti i mercati della zona, da sempre sostenitore e collaboratore delle attività parrocchiali, con particolare attenzione alla scuola materna, scuola primaria e oratorio: il premiato ha ricevuto gli elogi dall’assessore Razza che ne ha esaltato la virtu’ di “uomo generoso e schivo”, qualità rare nel mondo di oggi.

Alle ore 17 è stata la volta del Coro ANA Val Tidone: ormai da alcuni anni, il coro degli alpini anima la parte finale della manifestazione con un repertorio sempre diverso ed attraente:  anche quest’anno alcuni brani sono stati cantati per la prima volta.Toccante è stata l’introduzione da parte del Maestro Prof. Capuano che ha dedicato l’esibizione al Maestro Don Gianrico Fornasari, deceduto recentemente e Maestro del Coro Alpini Val Nure.

Al termine della manifestazione, insieme agli alpini, in oratorio si è tenuto un momento finale conviviale, dove è stata servita zuppa di ceci, salame cotto e verza, oltre ad una torta celebrativa dedicata al coro alpini, oltre agli immancabili turtlitt che sono stati distribuiti durante l’intera giornata. La manifestazione è stata realizzata grazie alla collaborazione di associazioni locali, dei commercianti trevozzesi (e valtidonesi) ed è stata patrocinata dal comune di Nibbiano e dalla provincia di Piacenza.

L’intero ricavato è stato devoluto, come sempre, alla Scuola Materna paritaria Parrocchiale “Nuova Italia” di Trevozzo che, in questa situazione, cerca di farsi conoscere per stimolare nuovi genitori all’iscrizione dei propri bambini.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.