Salto Triplo, a Modena oro per Manzini e Fontana (Atletica 5 Cerchi) foto

Fontana migliora di quasi un metro il suo precedente personale portandolo così a 12.31 metri, mentre Manzini sbaraglia la concorrenza balzando fino a 11.63 m alla prima uscita stagionale nella sua specialità

Al palazzetto indoor di Modena sono andati in scena i campionati regionali dedicati alle categorie allievi. L’atletica 5 Cerchi monopolizza il salto triplo sia in campo maschile che in campo femminile grazie agli straordinari balzi di Norberto Fontana che migliora di quasi un metro il suo precedente personale portandolo così a 12.31 metri e Martina Manzini che sbaraglia la concorrenza balzando fino a 11.63 m alla prima uscita stagionale nella sua specialità che l’anno scorso le ha regalato la medaglia di bronzo agli Italiani indoor con record regionale; con lei sul podio anche Alessia Albertelli che finalmente sfonda di 6 cm il muro dei 10 metri, mentre esordio per Alice Zucca che chiude quarta atterrando a 9,91 m e Alessia Ceci si ferma a 8,84 m in quinta posizione.

Nel salto in lungo Martina Manzini sale di nuovo sul podio regionale ma questa volta sul terzo gradino grazie alla misura di 4,79 m. Alex Niccolai chiude in 5,38 m il salto in lungo dopo aver ottenuto la quinta piazza nel salto con l’asta con 3,00 metri. Altro bronzo arriva dai 60 metri ad ostacoli dove Giovanni Michelotti si aggiudica il terzo gradino del podio grazie a un ottimo crono di 8″96. Inserite nella manifestazione anche gare per gli under 19 e lo junior Edoardo Fontana appena diciottenne nel salto con l’asta si piazza al secondo posto con 4,10 m. Sara Ziliani categoria junior  rientra alle gare in pista dopo un lungo periodo che l’aveva vista protagonista nel lancio del disco ed ottiene un ottimo 8″22 sui 60 metri che va a migliorare il suo precedente personale di 8″47.

A Padova si sono conclusi i Campionati Italiani di prove multiple indoor ed Elisa Caviglia con 3143 punti chiude sesta nella categoria promesse mentre Federica Roberto è decima tra le junior con 2945 punti. Elisa parte subito forte nei 60 hs fermando il crono a 9″07 che ad oggi la pone tra le migliori 8 specialiste italiane. Nell’alto sale solo a 1,46 m., ma nel peso da 4 kg migliora il personale di oltre mezzo metro scagliandolo a 8,28 m, nel lungo purtroppo arrivano una serie di incertezze che inficiano la misura di 5,20 m. Negli 800 causa un pesante raffreddore chiude in 2’34″31.

Federica Roberto dopo una lunga astinenza da gare importanti e la grande carica adrenalinica per essere di nuovo a un campionato italiano hanno giocato a sfavore dell’atleta blu arancio. Purtroppo dopo una partenza burrascosa sugli ostacoli ed un crono non all’altezza di Federica Roberto, nell’alto non va meglio e chiude solo a 1,34 m. Nonostante le prime  due gare che hanno compromesso la classifica finale, la grande tenacia dell’atleta ha avuto la meglio così nel peso ottiene il personale di 8,56, nel lungo dopo due nulli dove planava oltre la fettuccia dei 5,50 deve scegliere una rincorsa che le permetta di piazzare una misura di sicurezza e balza comunque a 5,17 m. Negli 800 m fa un ultimo giro a denti stretti raschiando il fondo di energie avvicinandosi così al suo miglior tempo di sempre con 2’32″48. Federica Roberto se non avesse mancato le prime due gare avrebbe chiuso la classifica juniores tra le migliori 6 specialiste italiane.

Al Palalottici di Parma invece sono scesi sull’anello indoor gli under 15 dell’atletica 5 cerchi tutti schierati nei 300 metri. In evidenza Michele Bozzo che sale sul terzo gradino del podio con 41″53 stracciando il primato sociale detenuto dal primatista provinciale dei 400 ostacoli junior Leonardo Fontana di 42″11. 42″65 per David Palladini che chiude quinto ritoccando il personale di oltre 1″. Balzi da gigante anche per il gemello Michael Palladini che finisce i due giri in 43″88. Mario Cerrato al primo anno di categoria ferma il crono a 48″76. In campo femminile miglior crono delle blu arancio è di Elisa Rinaldi che chiude in 47″15 alle sue spalle sigla il personale Laura Marenghi  48″69. Ottima prova per Camilla Calandri anche lei primo anno cadetta e sopratutto prima gara ufficiale di carriera che arriva esanime al traguardo con 50″01 e alle sue spalle finisce Anna Massari che chiude in 50″06.

Ora occhi puntati sull’ultimo test ai campionati Regionali assoluti del prossimo week end a Modena per poi arrivare ai campionati Italiani del 8-9 febbraio per gli junior promesse ed il 15-16 febbraio sempre ad Ancona i Campionati Italiani Allievi.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.