Sicurezza, il prefetto: “Sinergia con vigilanza privata e categorie economiche”

E’ tornato a riunirsi in Prefettura il comitato per l’ordine e la sicurezza pubblica. "Faremo delle riunioni tecniche - ha detto il Prefetto delineando le attività nel prossimo futuro - per mettere a punto delle misure che possano essere d’impatto nella cittadinanza".

Più informazioni su

E’ tornato a riunirsi in Prefettura il comitato per l’ordine e la sicurezza pubblica. Un tavolo, convocato dal neo Prefetto Anna Palombi, al quale hanno partecipato i rappresentanti delle forze dell’ordine insieme al primo cittadino di Piacenza Paolo Dosi e al vicepresidente della Provincia Maurizio Parma. All’ordine del giorno la situazione generale in città. Sul tavolo anche il fenomeno della prostituzione che sempre più coinvolge diverse zone della città e sul quale tanti cittadini hanno chiesto maggiori controlli ed una più rigida applicazione dell’ordinanza anti prostituzione.

“Faremo alcune riunioni tecniche – ha detto il Prefetto delineando le attività nel prossimo futuro – per mettere a punto delle misure che possano essere d’impatto nella cittadinanza”. Nello specifico, da un lato verrà messo a punto un piano che affronterà i fenomeni di furti e rapine (in aumento in tutta la provincia), dall’altro verrà rinnovato il piano, concordato nel 2010, sul tema della sicurezza urbana.

“Prenderò contatto sia con gli istituti di vigilanza privata che con le categorie economiche della città – ha aggiunto. Verrà ampliata, quindi, la sinergia di forze per, come ha detto il Prefetto, “fare in modo che la popolazione veda le attività della prefettura, della Provincia, del Comune e delle forze di polizia”. Per “fare sentire i cittadini protetti dalle istituzioni”.


ASCOLTA IL PREFETTO ANNA PALOMBI:

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.