Quantcast

Accordo sul 118, i sindacati: “Scorretto non coinvolgere i lavoratori”

Centrale operativa 118, i sindacati Cgil, Cisl e Uil contro l’accordo: "Scorretto non coinvolgere i lavoratori, chiediamo incontro urgente"

Più informazioni su

Sindacati contro l’accordo sulla centrale operativa 118: “Scorretto non coinvolgere i lavoratori – affermano – chiediamo incontro urgente”. 

“Apprendiamo a mezzo stampa – scrivono in una nota congiunta Fp- Cgil, Cisl Fp, Uil Fpl – di un protocollo tra Regione, ANPAS e CRI firmato ieri in regione a Bologna sul trasferimento della centrale operativa 118 a Parma. Consideriamo positivo il fatto che si sia arrivati ad un accordo politico che mette in equilibrio le richieste del territorio piacentino con i programmi regionali previsti ma rimaniamo stupiti dall’apprendere, sempre a mezzo stampa, di un “documento di carattere tecnico” sottoscritto dall’Ausl di Piacenza, ANPAS e CRI sulle “opportunità organizzative e di valorizzazione dei professionisti dell’azienda di Piacenza nel sistema territoriale”.

“Abbiamo – affermano – chiesto più volte di aprire un confronto sul tema in oggetto ed in particolare sulle eventuali ricadute sul personale di cui, ricordiamo, siamo i soli rappresentanti e titolari alla contrattazione ma, ad oggi, non vi è stata alcuna convocazione. Riteniamo quindi la firma di questo documento un grave atto di scorrettezza nell’ambito dei normali rapporti di relazioni sindacali”. “Riservandoci di valutare ogni opportuna azione, al fine di tutelare gli interessi dei lavoratori coinvolti – concludono – chiediamo un incontro urgente nel quale affrontare gli argomenti oggetto del documento tecnico sopraccitato”.

Pd: “Grande soddisfazione per il mantenimento del 118”
Intervento a firma di Daniel Negri, capogruppo Pd in consiglio comunale

Come gruppo consigliare del Partito Democratico esprimiamo grande soddisfazione per il risultato raggiunto dal “Sistema Piacenza” in merito al mantenimento della Centrale Operativa del 118 a Piacenza. Grazie a questa importante intesa gli aspetti d’eccellenza del primo soccorso del nostro territorio, pensiamo in particolare alla procedura del “codice blu” attraverso la quale Piacenza può essere considerata una delle città meglio “cardioprotette” d’Italia, il mantenimento sul territorio del coordinamento del sistema d’urgenza, nonché la valorizzazione di un sistema di volontariato di primo livello, non solo rimarranno ma saranno valorizzate.

La Regione riconoscendo queste peculiarità si è presa l’impegno formale di “esportarle” anche nelle altre province dell’Emilia Romagna. L’accordo firmato a Bologna prevede inoltre che esponenti piacentini del mondo del volontariato possano lavorare insieme alla Regione al fine di migliorare ulteriormente il sistema del Pronto Soccorso e la dotazione tecnologica e informatica in modo da rendere le procedure ancora più rapide ed efficienti. Appare quindi chiaro che non si è trattata solamente di una difesa dell’esistente, ma il risultato finale dovrà portare ad un sistema ancora migliore per i nostri cittadini.

Come gruppo del Partito Democratico siamo doppiamente soddisfatti in quanto molte nostre richieste presentate tramite un Ordine del Giorno in Consiglio Comunale sono state accolte dal Presidente Errani dimostrando che la Regione Emilia-Romagna non considera Piacenza come una provincia marginale, ma con pari dignità rispetto a tutte le altre. Va quindi un ringraziamento al Sindaco Dosi e all’Assessore al Welfare Cugini per il lavoro serrato di questi giorni, nonché ai rappresentanti del Comitato per il 118 per aver portato avanti una battaglia chiara, trasparente e mai strumentale negli interessi del nostro territorio.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.