Quantcast

Acqua. Piazza: “La gestione pubblica è possibile”

Sì è tenuto nel primo pomeriggio nella sala Cattivelli del Comune di Piacenza un incontro, promosso dal sindaco di Ottone. Giovanni Piazza va voluto lanciare un messaggio ai numerosi amministratori presenti; un invito a fermarsi a riflettere sul tema dell’acqua pubblica

Più informazioni su

Sì è tenuto nel primo pomeriggio, nella sala Cattivelli del Comune di Piacenza, un incontro promosso dal sindaco di Ottone. Giovanni Piazza ha voluto lanciare un messaggio ai numerosi amministratori presenti. Si è trattato di un invito a fermarsi a riflettere sul tema dell’acqua pubblica a pochi giorni della firma (avverrà venerdì in Provincia) del protocollo per la realizzazione di uno studio di fattibilità per la nascita di una società a capitale misto.

“Oltre 27milioni di italiani – ha detto – con il referendum, si sono espressi a favore dell’acqua pubblica. Noi amministratori siamo stati eletti dai cittadini ed abbiamo il dovere di portare avanti la loro volontà. Non possiamo fare finta di niente”. Riflettori puntati, come abbiamo scritto in principio, sulla proposta di delibera che prevede la realizzazione di uno studio di fattibilità in vista della costituzione di una società a capitale misto, sia pubblico che privato. “Non sono d’accordo – ha spiegato Piazza -: penso ad uno studio più amplio che preveda anche l’ipotesi della gestione pubblica”.

Secondo Piazza i tempi sono troppo accelerati. Le scelte troppo affrettate. “Teniamo presente – ha aggiunto – che 34 comuni, a maggio, andranno ad elezioni. Meglio, quindi, aspettare, prima di vincolarsi per 25 anni”. “Le norme sono cambiate, non esiste più il vincolo del patto di stabilità, chiediamo  – ha detto poi Piazza riferendosi al protocollo – ai sindaci di aspettare a firmare per una valutazione più approfondita”.

L’amministratore, soddisfatto dall’incontro di oggi, ha parlato dell’esempio di Reggio Emilia (che ha scelto la via della gestione pubblica dell’acqua). Poi dell’esperienza del suo comune, Ottone: “Abbiamo aperto una riserva di pesca pubblica e un distributore pubblico di benzina”. “Inoltre – ha concluso – il comune gestisce il servizio rifiuti. E le tariffe sono le più basse della provincia”. 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.