Quantcast

Basket in carrozzina, Regia cade a Cantù (44-42)

Giornata nera per la Regìa (17/75 da due, 0/1 da tre, 8/23 ai liberi) costretta a chiudere il girone di andata con un tonfo “on the road” generato dalla cattiva prestazione dell’intero gruppo condita da errori di impostazione e di tiro

Più informazioni su

BRIANTEA CANTU’ 44 REGIA BASKET 42 (13-3; 25-17; 33-24)

CANTU’: Nava 11, Diene 11, Molteni 20, Crespi 2, Diattara; Fiadino, Forte. Ne; Schiena, Benedetti, Barresi, Pangallo, Costanzo. All.: Tomba

REGIA BASKET: Zeni 4, Botti 5, Farias 3, Magro S. 21, Petesi 4; Benazzi 3, Oddi 2, Preka. Ne: Ducoli, Lago, Laurini, Rodiani. All.: Elisa Cotella

ARBITRI: Novara e Quarantino

CANTU’ Giornata nera per la Regìa (17/75 da due, 0/1 da tre, 8/23 ai liberi) costretta a chiudere il girone di andata con un tonfo “on the road” generato dalla cattiva prestazione dell’intero gruppo condita da errori di impostazione e di tiro. Se il risultato finale sembra evidenziare una sconfitta di misura al termine di gara tirata, il copione della contesa sottolinea invece una parte iniziale con il freno a mano tirato (solo 3 punti firmati nel primo periodo) seguita dalla fatica a vedere il canestro avversario dei seguenti due quarti: non basta ai piacentini la grande rimonta messa in scena nel periodo conclusivo (11-18 il parziale) utile a sfiorare il “colpo” ma pure a rendere decisamente più amara l’analisi di una gara lontana dai consueti standard di rendimento.

Pesa l’assenza di Marco Magro, il fratello Salvatore ancora una volta è il top scorer; è il complesso dell’azione della Regìa non girare secondo i consolidati ingranaggi. Cantù ha rotazioni limitate, va con il quintetto spinto dalla mira di Molteni, senza però riuscire a sopraffare completamente la fase difensiva della squadra di Elisa Cotella. E’ in attacco che, complici tanti passaggi sbagliati, la Regìa fatica ad imporsi. Per tre quarti fare canestro sembra un’impresa; nell’ultimo periodo i piacentini cambiano completamente registro sorprendendo i padroni di casa. La maggiore attenzione messa nell’impostazione del gioco, abbinata alla ritrovata energia, permettono alla Regìa di prendere in mano l’inerzia rimettendo tutto in discussione. I secondi scandiscono la progressiva limatura del divario: Cantù resiste quel tanto che basta per imporsi di misura, la Regìa si duole dell’occasione persa per tenere la scia della capolista Brescia.

Nel prossimo week end, in occasione della prima giornata di ritorno, la Regìa osserva il proprio turno di riposo: i piacentini tornano in campo domenica 9 marzo (alle 11) sul parquet di Bergamo.

Gli altri risultati della settima giornata di andata: Seregno-PMT Torino 67-65 (d1ts); Brescia-HB Torino 47-25. Riposa: Bergamo

La classifica: Brescia 12; Regìa Basket, Seregno 8; PMT Torino 6; Bergamo, Cantù 4; HB Torino 0.

Luca Mallamaci (addetto stampa Regìa Basket)

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.