Quantcast

Bit, Piacenza in vetrina con l’obiettivo Expo 2015 FOTO foto

Affollatissime le postazioni piacentine sostenute da Provincia, Camera di Commercio e Comune nello stand della Regione: presi contatti con Paesi di tutto il mondo. Questa mattina la visita istituzionale

Più informazioni su

Piacenza è tornata alla Borsa internazionale del Turismo, in scena a FieraMilano da oggi fino a sabato, con una formula innovativa improntata sulla vendita dei pacchetti turistici e sulla promo-commercializzazione del territorio. Moltissimi sono stati, già nelle prime ore della giornata, i contatti e gli appuntamenti presi con tour operator di diversi Paesi del mondo: Cina, Lettonia, Olanda, Slovacchia, India, Russia, America, Serbia, Germania, Stati Uniti. Per la prima volta quest’anno, infatti, la Bit ha creato una piattaforma virtuale per il confronto tra domanda e offerta che ha consentito agli operatori di intercettare le richieste degli acquirenti.

“Piacenza – hanno spiegato gli operatori piacentini impegnati nella vendita dei 34 itinerari turistici proposti – può essere inserita in tour a livello nazionale come tappa per un turismo di tipo esperienziale. Molto interesse suscitano l’enogastronomia con dimostrazioni pratiche e laboratori hand made, la navigazione sul Po, il cicloturismo, gli itinerari religiosi. E’ stata inoltre richiesta Piacenza come meta per soggiorni e pernottamenti nei mesi dell’Expo”.

Il territorio piacentino è ospitato a FieraMilano all’interno dello stand della Regione Emilia-Romagna in due postazioni: una gestita dall’associazione dei Castelli del Ducato di Parma e Piacenza (che propone al pubblico la possibilità dalla primavera 2014 di gite in mongolfiera sui castelli, tour in motocicletta o auto d’epoca, laboratori didattici, escursioni a cavallo e cene preparate da chef stellati) e l’altra dedicata a “Piacenza per Expo 2015”. Grazie alla collaborazione e al sostegno economico della Camera di commercio, della Provincia di Piacenza e del Comune, Piacenza sta mettendo in mostra le proprie buona qualità, le proprie tradizioni e le proprie bellezze nella cornice di uno dei più importanti appuntamenti dedicati al turismo a livello internazionale.

“Quest’anno – ha spiegato questa mattina in fiera l’assessore provinciale a Turismo, marketing e cultura Maurizio Parma – Piacenza è presente in modo compatto in vista dell’esposizione universale del 2015. Fare sistema significa proporsi con un messaggio unico e così è stato fatto. Gli operatori piacentini stanno intercettando le richieste in arrivo da moltissimi Paesi del mondo. Siamo all’inizio di un nuovo percorso: Expo 2015 non dovrà essere l’obiettivo finale ma il punto di partenza di una nuova era del turismo piacentino. Ricordo infine che il territorio piacentino sarà rappresentato, dopo la Bit di Milano, alle quattro fiere del turismo più importanti a livello internazionale: Mosca, Londra, Rimini e, con ogni probabilità, Berlino”.

“La Bit – ha aggiunto l’assessore a Politiche culturali e promozione turistica del Comune di Piacenza Tiziana Albasi – si conferma l’occasione ideale per la promozione di pacchetti turistici del territorio della città e della provincia oltre che la via per trasformare l’offerta culturale-turistica in opportunità economica”.

Anche il presidente della Camera di commercio Giuseppe Parenti era intervenuto nei giorni scorsi sottolineando che: “In un’epoca di tagli delle spese e in un momento difficile per fare impresa, la Camera di Commercio ha deciso di confermare la presenza alla Bit: appuntamenti come quello milanese offrono l’opportunità concreta di far crescere il settore del turismo che sul territorio locale sta conoscendo una crescita”. “Gli operatori dell’Emilia Romagna – ha poi rilevato questa mattina a Milano l’assessore regionale al Turismo Maurizio Melucci – sono particolarmente impegnati sui mercati esteri. L’Emilia ha una grande occasione e non solo perché è la porta di Milano ma anche perché culla di un turismo pionieristico: Piacenza in particolare può contare sui castelli, sull’enogastronomia, sul Po. Quello su cui bisogna puntare sono i club di prodotto: l’individualismo non paga”.

Per presentare i prodotti di eccellenza del territorio di Piacenza, la Strada del Po e dei sapori della Bassa Piacentina e la Strada dei Vini e dei Sapori dei colli piacentini hanno organizzato infine all’interno della stand della Regione Emilia-Romagna due degustazioni (in programma oggi dalle 17 alle 18 e domani ancora dalle 17 alle 18) riservate a tour operator stranieri e giornalisti. La Bit rimarrà aperta agli operatori ancora domani e sabato (nella giornata di sabato le porte saranno aperte anche al pubblico).

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.