Quantcast

Campagne allagate, Confagricoltura: “Cronaca di un problema annunciato”

"Particolarmente critica - spiega il direttore Sidoli - la situazione del Trebbia: in pianura è talmente ingrossato che sta erodendo gli argini ed in alcuni punti è riuscito a sottrarre terreni coltivati. Dalle zone collinari, invece, ci segnalano il verificarsi di smottamenti e frane"

Il maltempo che imperversa da giorni, in queste ore sta rendendo anche nella nostra provincia la situazione ulteriormente critica. La piogge persistenti hanno aumentato il rischio di esondazione dei fiumi e nelle campagne si registrano già numerosi allagamenti. Senza contare i numerosi smottamenti nell’area collinare e montana che ormai, purtroppo, non fanno quasi più notizia.

“Abbiamo ricevuto diverse segnalazioni dai nostri associati, sottolinea Luigi Sidoli, direttore di Confagricoltura Piacenza, i quali, nel riferire i danni subiti, non nascondono tutta la loro rabbia nell’assistere impotenti non tanto alle conseguenze del maltempo, quanto alla mancanza di un consapevolezza comune sulle cause che le hanno generate”.

“Particolarmente critica la situazione del Trebbia: in pianura è talmente ingrossato che sta erodendo gli argini ed in alcuni punti è riuscito a sottrarre terreni coltivati. Dalle zone collinari, invece, ci segnalano il verificarsi di smottamenti e frane. Gli agricoltori – prosegue Sidoli – pagano in tutte le stagioni le conseguenze di una politica del territorio fallimentare, che nella visione museale dell’ambiente ha pensato di individuare, erroneamente, lo strumento della sua tutela. Così gli agricoltori si vedono negata l’acqua per l’irrigazione nei mesi estivi e si vedono “somministrare”, in abbondanza, l’acqua delle piene degli stessi corsi d’acqua, nella stagione piovosa, come sta avvenendo in questi giorni”.

“Gli alvei dei corsi d’acqua sono coperti di vegetazione e di materiali inerti, ma soprattutto di regole e di divieti, tanto da essere praticamente intoccabili. Sono diventati il regno ingovernato di animali che mettono a repentaglio la tenuta delle arginature, quasi che la sicurezza idraulica sia stata consapevolmente sacrificata alla tutela dei roditori. Il livello degli alvei medesimi è ormai al di sopra del piano di campagna, ad ogni piena il rischio di esondazione aumenta. Per non parlare, aggiunge Sidoli, dei divieti ad eseguire qualsiasi tipo di intervento, in aree che per lo più sono classificate a “tutela integrale”, con pesantissime sanzioni anche di natura penale”.

“Quando avvengono queste calamità, aggiunge Sidoli, mai nessuno è responsabile, tutti si rifugiano nei luoghi comuni e nelle ovvietà, non dimenticando mai, a corollario dell’interpretazione qualunquistica di turno, l’onnipresente effetto serra. Bisognerebbe cominciare invece a resettare tutte le politiche del territorio e restituire agli agricoltori quel ruolo di programmazione e di gestione che hanno esercitato per centinaia di anni, riuscendo a tutelare l’ambiente e a consegnarcelo governato e plasmato ai bisogni dell’uomo. Quelli autentici, s’intende”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.