Quantcast

Coppa Italia, Rebecchi Nordmeccanica in finale con Bergamo (h16,30) foto

Il match contro il Busto viene vinto dalla Rebecchi Nordmeccanica senza incertezze: 3 a 0 (25-17, 25-20, 25-11). Applausi per le piacentine che volano in finale di Coppa Italia oggi alle 16,30

Più informazioni su

Il match contro il Busto Arsizio viene vinto dalla Rebecchi Nordmeccanica senza incertezze: 3 a 0 (25-17, 25-20, 25-11). Applausi per le piacentine che volano in finale di Coppa Italia contro la Foppapedretti Bergamo che ha sconfitto nell’altra semifinale Modena 3-1. La finale Piacenza-Bergamo è in programma domenica alle 16.30 al Palaverde di Treviso.

LEGGI LA CRONACA DELLA PARTITA su www.sportpiacenza.it 

Rebecchi Nordmeccanica in finale di Coppa Italia – Domenica alle 16.30 sfiderà Foppapedretti Bergamo (diretta RaiSport 1)

Treviso – Rebecchi Nordmeccanica torna dopo nove mesi nell’impianto dove lo scorso 11 maggio ha vinto il suo primo scudetto e, con un’ottima gara, sconfigge Unendo Yamamay Busto Arsizio con il punteggio di 3 a 0 approdando così alla Finale di Coppa Italia, dove incontrerà Foppapedretti Bergamo che a sua volta ha avuto la meglio su Liu-Jo Modena (3 a 1).
Caprara inizia schierando Ferretti e Van Hecke in diagonale, Leggeri e De Kruijf al centro, Bosetti e Meijners in banda, con Sansonna libero. Buon inizio di Piacenza con Van Hecke e Meijners in copertina, quest’ultima con otto punti e il 67% in attacco, dove Piacenza è nettamente superiore: 55% contro il 32%.

Il prosieguo dell’incontro non muterà la sostanza: Piacenza sempre avanti nel punteggio e Busto costretta a inseguire. Nel secondo parziale, la Rebecchi Nordmeccanica proseguirà a esibire un gioco fluido ed efficace, raggiungendo ben presto un margine di sicurezza. Nel terzo parziale la differenza si fa ancora più netta: le biancoblu’ doppiano le avversarie sul 10 a 5, per poi allungare ulteriormente. E’ trionfo per Piacenza in poco più di un’ora di gioco.

Grande soddisfazione per il traguardo raggiunto da parte di Antonio e di Vincenzo Cerciello, rispettivamente presidente onorario e presidente di Rebecchi Nordmeccanica: “Siamo tornati la grande squadra di due mesi fa – esordisce Antonio Cerciello – io ho sempre creduto in questo gruppo di giocatrici e nello staff tecnico, sono convinto che continueranno a darci grandi soddisfazioni”. “Siamo in finale per il terzo anno consecutivo e per noi questo è già un motivo di grande gioia. Domani sarà un altro grande appuntamento a cui arriviamo molto motivati a fare davvero bene” gli fa eco Vincenzo Cerciello.

Sala stampa:

Leggeri: “Oggi siamo state molto brave, abbiamo battuto bene, siamo state ottime a muro difesa e lucide nel contrattacco. Non hanno vinto le singole, ma ha vinto la squadra, attenta e concentrata come non mai”.

Parisi: “Piacenza ha giocato dalla prima all’ultima palla, hanno difeso anche nel terzo quando i giochi erano fatti: questo fa ben capire la differenza di atteggiamento tra le due squadre. Il nostro modo di stare nel campo è difficile da spiegare, Piacenza è stata al contrario aggressiva e ci ha rullato. Chiudiamo velocemente questa parentesi da cui è difficile trarre spunti anche minimamente interessanti. Battuta tenera? Avevamo preparato le cose in un modo, nel campo abbiamo visto altro. Il servizio è stato la prima cosa che ci ha penalizzato, ma stasera non siamo state lucide nemmeno a muro difesa, non riuscendo mai a trovare una nostra strada all’interno della gara, arrivando così ad un risultato pesante. Abbiamo mollato nel terzo set? Ne sono sopreso anche io, purtroppo vedo similitudini con situazioni della prima parte della stagione, ma chiudiamola qui e pensiamo al proseguio della stagione”.

Caprara: “Le mie ragazze hanno disputato una bellissima partita, l’attacco è rimasto costante in tutti i set e ho visto il giusto atteggiamento con difese alla morte. Domani sicuramente sarà molto più dura sotto il punto di vista della capacità di soffrire quando le cose non vanno bene all’interno della partita”.

La gara in pillole: Parisi parte con Wolosz – Ortolani, Michel – Arrighetti, Marcon – Buijs, Leonardi libero, Caprara risponde con Ferretti – Van Hecke, Leggeri – De Kruijf, Bosetti – Meijners, Sansonna libero.

Primo set: Meijners (8 nel set, 67% offensivo) e Buijs si scambiano bordate in avvio (6-5), ma è la stessa piacentina a regalare il 7-7; Garzaro inizia bene (8-8), il muro di Arrighetti (3 nel parziale per lei) tiene incollata la UYBA (11-10), ma De Kruijf fa suonare la campana del 12-10. Parisi interrompe il gioco sul 14-10, ma le cose continuano a girare per il verso per la Rebecchi che mura il 16-11 con Leggeri e con Meijners il 19-13 che fa stoppare ancora il tempo dal coach biancorosso e lancia Piacenza al primo 25-17 (nel finale dentro Petrucci e Bianchini per Wolosz e Buijs). Ortolani la migliore attaccante bustocca con 3 punti (83%).

Secondo set: Parisi riparte con il sestetto iniziale ma l’avvio è ancora favorevole alla Rebecchi (7-4 muro Bosetti); Ortolani (attacco e muro) non vuole mollare (8-7), dall’altra parte Bosetti e Meijners (6 nel parziale) schiacchiano sull’acceleratore (12-8 muro dell’olandese). L’errore in pipe di Buijs fa chiamare time-out a Parisi (15-10), che a seguito di un altro errore biancorosso interrompe ancora il gioco ed inserisce Michel su Garzaro sul 18-12. L’inglese tocca subito bene a muro e propizia il 19-14 di Buijs, Arrighetti tiene poi accesa la speranza murando il 20-16 che induce Caprara a chiamare time-out. Buijs passa (8 punti, 57%), Bianchini (dentro al servizio) si guadagna il 23-19, ma De Kruijf chiude 25-20.

Terzo set: Parisi conferma Michel su Garzaro, ma l’inizio è ancora favorevole alla Rebecchi (5-2 ace Meijners); Arrighetti mantiene invariato il gap (7-4), poi l’errore di Buijs e la pipe di Meijners lanciano Piacenza (9-4). Sul 10-5 c’è spazio per Bianchini (dentro su Marcon), con Ortolani che riduce a 3 lo svantaggio (10-7), ma altre due imprecisioni biancorosse regalano il 12-7 alle emiliane. Meijners attacca e realizza due aces consecutivi che chiudono di fatto la gara: Piacenza vola veloce al 25-11 conclusivo.

Il tabellino

Rebecchi NordMeccanica Piacenza – Unendo Yamamay Busto Arsizio 3-0 (25-17, 25-20, 25-11)

Rebecchi Nordmeccanica Piacenza: Valeriano ne, Leggeri 5, De Kruijf 10, Van Hecke 11, Meijners 21, Manzano ne, Ferretti, Sansonna (L), Bramborova, Caracuta ne, Bosetti 10, Vindevoghel. All. Giovanni Caprara, secondo allenatore Stefano Saja. Battute errate: 7, vincenti: 4. Muri: 9.

Unendo Yamamay Busto Arsizio: Ortolani 8, Degradi, Garzaro 2, Bianchini, Michel 1, Civita ne, Leonardi (L), Marcon 2, Buijs 13, Arrighetti 9, Wolosz 1, Petrucci. All. Carlo Parisi, secondo allenatore Massimo Dagioni. Battute errate: 7, vincenti: 0. Muri: 6.

Arbitri: Rapisarda – Satanassi


Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.