Quantcast

Galliano, Mantilla, Redman e Frisel: grandi nomi per il Jazz Fest

Dal 2 marzo al 5 aprile. Tanti gli eventi collaterali: il 1 marzo sarà allestito il gazebo suonante, le ragazze del Girlesque Street Band di Pisa suoneranno in piazza Cavalli. Tra le novità "Piacenza Suona Jazz": 7 locali piacentini proporranno 14 concerti jazz nel mese di marzo

Più informazioni su

Richard Galliano, Ray Mantilla, Joshua Redman, Bill Frisel sono solo alcuni tra i protagonisti dell’edizione 2014 del Piacenza Jazz Fest che si terrà, nella nostra città, dal 2 marzo al 5 aprile.

“La Fondazione di Piacenza e Vigevano, sin dagli inizi, si é impegnata per questa manifestazione – ha detto Stefano Pareti in rappresentanza della Fondazione – per arricchire l’offerta culturale del territorio. In questi momenti di crisi economica e finanziaria é fondamentale”. Dopo di lui ha preso la parola l’assessore alla cultura del Comune Tiziana Albasi: “L’amministrazione comunale crede in questo progetto che é arrivato all’11ma edizione – ha spiegato. Un progetto che affonda le radici in una sinergia di forze, “una sinergia – ha aggiunto – che é la via giusta per combattere la crisi”. “Il Festival – ha concluso – guarda alle giovani generazioni: l’amministrazione é lieta di sostenerlo”.

Il direttore artistico e presidente del Piacenza Jazz Club Gianni Azzali, presente insieme al vice-presidente Angelo Bardini, ha presentato la manifestazione. “Sarebbe facile solo ingaggiare gli artisti e promuovere concerti. Invece, abbiamo voluto allargarlo ai vari settori del sociale, creare un evento che coinvolge la città”. Il Festival, infatti, porta il jazz in luoghi insoliti: dal carcere ai centri commerciali. “L’evento culturale é a tutto tondo – ha spiegato – non vuole appassionare solamente i cultori del jazz, ma vuole conquistare nuovi pubblici. Ed é “uscito” sin dalla prima edizione da Piacenza”.

Numerosissimi gli eventi collaterali: “Il primo marzo sarà allestito il gazebo suonante: le 14 ragazze del Girlesque Street Band di Pisa suoneranno in piazza Cavalli dalle ore 15.30 alle 19”. Tra le novità Azzali ha citato “Piacenza Suona Jazz”, iniziativa nata da un’idea di Paolo Menzani: 7 locali piacentini proporranno 14 concerti jazz nel mese di marzo. Ancora: Azzali ha citato le iniziative (laboratori di fotografia e conferenze) nelle scuole piacentine; i concerti che verranno promosso nel Centro Commerciale Gotico, il convegno dedicato al jazzista Gianluigi Trovesi, i workshop di Pino Ninfa (di fotografia) e di Sherrita Duran (canto).

Prima di parlare dei main concerts, Azzali ha ricordato che, martedí 25 marzo, verrà presentato il documentario sui 10 anni del Jazz Fest curato da Fausto Mazza. Grandissimi gli artisti protagonisti dei concerti principali: l’inaugurazione del Piacenza Jazz Fest 2014 è in programma allo Spazio Rotative domenica 2 marzo alle ore 18 con Richard Galliano, icona mondiale della fisarmonica e già ospite della kermesse alcune edizioni fa. Galliano ritornerà sul palco del festival con la formazione con la quale da anni condivide i tour in tutto il mondo e con la quale veste al meglio i panni della sua identità culturale, cioè l’ensemble “Tangaria”. 

La domenica seguente, il 9 marzo, sempre alle 18 al Conservatorio Nicolini, in cartellone quattro nomi di alta scuola. Il duo composto dal pianista Gwilm Simcock e il contrabbassista Yuri Goloubev e un secondo duo formato da Ralph Towner (storico chitarrista degli “Oregon”) e l’argentino Javier Girotto al sax soprano. Il festival  farà poi  tappa in Valdarda, come da tradizione, con un imperdibile concerto di uno dei più grandi percussionisti americani: Ray Mantilla. L’evento, in programma venerdì 14 marzo 2014, alle ore 21:15, al teatro “Verdi” di Fiorenzuola D’Arda è organizzato in collaborazione con l’assessorato alla cultura del Comune di Fiorenzuola, nell’ambito della stagione concertistica 2013/2014.

Il giorno seguente, sabato 15 marzo, al Milestone si esibiranno i vincitori del Concorso Bettinardi 2013 cioè il pianista Antonio Vivenzio con il suo trio, vincitore della sezione solisti, Mario Nappi Trio come vincitore della sezione gruppi e Francesco Nasone, il vincitore della neonata sezione cantanti, che si esibirà in un inedito duo vocale con Lorenzo Sansoni (uno dei vincitori dell’edizione di quest’anno). Mercoledì 19 marzo alle 21,15 al teatro President toccherà al Joshua Redman Quartet. Joshua Redman è tra i saxofonisti più originali e interessanti attivi sulla scena jazz internazionale. Grazie ad una padronanza magistrale del suo strumento riesce ad avere un controllo pressoché perfetto di ogni sfumatura di suono e improvvisativa.

Il 22 marzo allo Spazio Rotative sempre alle 21:15  “I mille cuori di Poe” con lo scrittore Stefano Benni, il violoncellista Mario Brunello e il pianista Umberto Petrin. Lo spettacolo rappresenta un inedito incontro fra due musicisti appartenenti solo in apparenza a mondi sonori diversi: classica e jazz e uno scrittore accomunati da un naturale spirito di avventura. Musica, parole, letteratura e creatività in un omaggio a Edgar Allan Poe per un evento di prim’ordine all’interno del cartellone del Piacenza Jazz Fest 2014.

Il 29 marzo, sabato, al President sarà il turno di una doppia esibizione: quella del Riccardo Zegna Quintet e del Drew Gress Quintet. Anche qui due concerti dal sapore ben diverso e in grado di soddisfare i palati più difficili; il primo costruito sul classico piano trio con l’aggiunta di un violino e di un violoncello ad intrigare il tutto; l’altro dal forte sapore del Jazz della Grande Mela, con uno strepitosto Tim Berne ai saxofoni, Ralph Alessi alla tromba e Craig Taborn al pianoforte.

Mercoledì 2 aprile il palco del President vedrà salire il grande Bill Frisell con il concerto “Beautiful Dreamers”. Un tuffo nella magia dello straordinario musicista di Baltimora. Lo spettacolo è organizzato in collaborazione con Jazz Network.

Il festival chiuderà i battenti il 5 aprile allo Spazio Rotative, congedandosi con il tradizionale “Galà di premiazioni e di fine festival”. Nel corso della serata sarà resa nota la graduatoria dei vincitori dei concorsi nazionali abbinati al festival, “Strisce di Jazz 2014” e “Chicco Bettinardi 2014”. I vincitori del Bettinardi, saranno pregati di eseguire un brano ciascuno. Al termine, il migliore degli “arrivederci” con un rinfresco a base di prodotti e vini locali, tra i quali il “Gutturnio Piacenza Jazz Fest 2014”.

BIGLIETTI E ABBONAMENTI
I biglietti saranno in vendita a prezzi popolari. Gli interi a € 18 mentre i ridotti a € 15.?Le riduzioni usuali sono per i ragazzi sotto i vent’anni, gli anziani al di sopra del 65° anno di età, per i Soci del Piacenza Jazz Club e per gli allievi del Conservatorio “Nicolini”.?In prevendita locale viene applicato uno sconto di un euro sia sugli interi che sui ridotti.?Il concerto del 15 marzo, che vedrà protagonisti i vincitori del Concorso Bettinardi 2013, è gratuito ma, essendo al Milestone, sarà necessario munirsi della tessera Piacenza Jazz Club o Anspi per potervi accedere.

Tutti gli eventi e rassegne collaterali sono gratuiti, ad eccezione del Workshop fotografico tenuto ad inizio marzo da Pino Ninfa, la cui quota d’iscrizione è di € 160.

Da quest’anno gli organizzatori, per incentivare la fruizione dei concerti ai ragazzi, hanno predisposto un’ulteriore riduzione per tutti gli studenti di Piacenza e provincia fino alla secondaria superiore, che potranno accedere ai concerti con un biglietto di soli € 5 (con elenco inviato dalla segreteria della scuola ad ogni evento).

Passiamo al capitolo inerente gli abbonamenti. Questa la proposta: un abbonamento a 6 concerti del Fest è acquistabile a € 65 (intero) e a € 50 (ridotto); le riduzioni sono le stesse dei biglietti singoli. ?Il concerto del 2 aprile, che vedrà protagonista il “Bill Frisell Trio” è fuori abbonamento, trattandosi di un concerto organizzato da Jazz Network – Crossroads in collaborazione con il festival piacentino.

La prevendita è attiva dal 10 febbraio per i soli Soci del Piacenza Jazz Club, mentre i non-soci dovranno attendere fino a sabato 15 febbraio. Sarà possibile acquistare i biglietti presso il Piacenza Jazz Club, in via Musso 5, dal lunedì al venerdì (ore 15/19); presso il negozio di dischi e libri Alphaville, in via Tempio 50, tutti i sabato mattina dal 15 febbraio al 29 marzo (ore 10/12:30) e al Gazebo suonante  che verrà allestito a Piacenza in piazza Cavalli sabato 1° marzo (ore 15:30 – 19:00). Da quest’anno è prevista anche la vendita online (disponibile dal dal 17 febbraio). Sarà, quindi, possibile acquistare i biglietti anche sul sito www.liveticket.it  con un diritto di prevendita di € 1,50. Il Jazz Fest arriverà anche su Smartphone e Tablet grazie ad una App scaricabile gratuitamente per Apple e Android. Per raccogliere ulteriori informazioni e possibile visitare il sito www.piacenzajazzfest.it o rivolgersi ai seguenti recapiti: 0523.579034 – 348.6969333.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.