Il Comune alla commemorazione dell’eccidio di Ponte Cantone foto

A rappresentare l’Amministrazione, nell’occasione, l’assessora alle Politiche Giovanili Giulia Piroli, accompagnata dagli agenti della Polizia Municipale che hanno portato in corteo lo stemma comunale

Più informazioni su

C’era anche il Gonfalone del Comune di Piacenza, nei giorni scorsi, alla commemorazione dell’eccidio di Ponte Cantone, che ogni anno nel mese di febbraio rievoca la tragedia dei 20 detenuti del carcere di Parma – in parte piacentini – prelevati la sera del 14 febbraio 1945 dalla polizia tedesca e barbaramente uccisi per rappresaglia, i loro corpi lasciati a lungo riversi nella neve come monito e minaccia alla popolazione locale.

A rappresentare l’Amministrazione, nell’occasione, l’assessora alle Politiche Giovanili Giulia Piroli, accompagnata dagli agenti della Polizia Municipale che hanno portato in corteo lo stemma comunale. La cerimonia in onore dei caduti, “semplice ma molto partecipata”, come sottolinea Giulia Piroli, ha visto la presenza del sindaco di Sant’Ilario, Marcello Moretti, della presidente della Provincia di Reggio Emilia Sonia Masini e, tra i tanti cittadini, dei bambini della scuola elementare di Calerno, la cui classe quinta, diretta dal maestro Giuseppe Caliceti, ha presentato lo spettacolo “Non siamo nati per bisticciare”, con la partecipazione di Guido Donelli alla fisarmonica.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.