Quantcast

“Il sacro della primavera”, danza contemporanea al Teatro Gioia

Atteso appuntamento a Piacenza con “Il sacro della primavera”, liberamente tratto da “Le sacre du printemps” di Stravinskij, venerdì 7 marzo alle ore 21 al Teatro Gioia di Piacenza, il nuovo spazio di Teatro Gioco Vita in via Melchiorre Gioia 20, in questa stagione sede di tutta la programmazione dedicata alla danza contemporanea. 

Più informazioni su

Una metafora del nostro tempo, di una generazione che invecchia senza sbocciare. È “Il sacro della primavera” di Balletto Civile, ideazione e coreografia di Michela Lucenti, incursioni sonore di Maurizio Camilli. Opera d’avanguardia nata per distruggere le tradizioni, “La sagra della primavera” Stravinskij – un rituale in cui un cerchio di anziani assisteva alla danza di una vergine fino alla sua morte – nella rilettura di Balletto Civile diventa rappresentazione di una generazione che attende obbligata allo stallo, osservata, spiata, pesata, vergine perché impossibilitata a fare da sola, una generazione che deve riappropriarsi del proprio tempo.
 
Atteso appuntamento a Piacenza con “Il sacro della primavera”, liberamente tratto da “Le sacre du printemps” di Stravinskij, venerdì 7 marzo alle ore 21 al Teatro Gioia di Piacenza, il nuovo spazio di Teatro Gioco Vita in via Melchiorre Gioia 20, in questa stagione sede di tutta la programmazione dedicata alla danza contemporanea. Si tratta dell’ultima serata del cartellone 2013/2014 di Teatro Danza della Stagione di Prosa “Tre per Te”, organizzata da Teatro Gioco Vita – direzione artistica di Diego Maj – con Fondazione Teatri, Comune di Piacenza e sostegno di Fondazione di Piacenza e Vigevano, Cariparma, Iren.
 
Al termine della rappresentazione Anna Paratici, coordinatore tirocini e laboratori della Facoltà di Scienze della Formazione dell’Università Cattolica del Sacro Cuore / Sede Piacenza, si confronterà con gli artisti sui temi dello spettacolo. Modera l’incontro Roberto De Lellis, che cura il cartellone di teatro danza, realizzato con la collaborazione di AterDanza.
 
Balletto Civile si relaziona all’originale del 1913 solo per estrapolarne il cuore e farlo a pezzi, dando vita a un’azione coreografica in cui l’idea del sacrificio perpetrato dai “vecchi” ai danni dei “giovani” – come accadeva secondo la partitura stravinskiana, qui riproposta frammentata e manipolata con sonorità e brani contemporanei – si rovescia nel suo esatto contrario. 
 
Stanchi di essere la generazione “di mezzo”, per la quale le possibilità sono finite e il futuro appare precluso, gli interpreti si lanciano in una danza forsennata in cui l’ansia di liberazione e la volontà di riscatto si mescolano a frustrazioni difficili da estirpare. 
 
Lo spettacolo prodotto in collaborazione con la Fondazione Teatro Due, danzato e creato da Andrea Capaldi, Ambra Chiarello, Massimiliano Frascà, Francesco Gabrielli, Sara Ippolito, Carlo Massari, Alessandro Pallecchi, Gianluca Pezzino, Livia Porzio, Emanuela Serra, Giulia Spattini, Chiara Taviani, Teresa Timpano, ha vinto il Premio Roma Danza 2011. “La Sagra”, come spiegano gli artisti di Balletto Civile, «è un lavoro di gruppo, ma nella grande corsa si è perdutamente soli. Il corpo si sbilancia, cade nel desiderio di abbracciare tutto lo spazio “digeribile”, ci si abbraccia, ci si sposta un po’ violentemente, un po’ vio-lentati come per scuotersi, per rimanere svegli. Ci si incastra per rimanere in piedi, uomini e donne gli uni agli altri aggrappati per attraversare lo spazio come metafora della fatica che ci serve per svoltare, per corre-re fuori dalle stanze della mente nelle quali ci tengono confinati.

Azioni precise, forti, furiose, velocissime. 

 
Ognuno perde forza ma solo per brevi attimi, subito rimesso in piedi dagli altri. Inaspettatamente spuntano le teste sotto le gambe dei compagni, ci si aggrappa, aggroviglia, si cammina sugli altri ma non è sopraffazione, è sostegno, urgenza, compassione. I corpi scivolano e cercano aria in vestiti troppo grandi, pantaloni e camicie di seconda mano, dei fratelli maggiori. Sotto, le nudità esili scoperte che si intravedono appena quando si va a testa in giù. “La Sagra” è il tempo interiore che si confonde, che si ferma, mescolata al resto dei suoni del mondo. Alla grande cacofonia. Un dj set per un discorso dissacrante su noi stessi in primo luogo. Dissacrare come reinventare un nuovo sacro, per noi il sacro è politica e necessità».
 
“TRE PER TE” Stagione di prosa 2013/2014 del TEATRO MUNICIPALE di Piacenza
 
è una rassegna di
 
TEATRO GIOCO VITA Teatro Stabile di Innovazione direzione artistica Diego Maj
 
FONDAZIONE TEATRI DI PIACENZA
 
in collaborazione con 
 
FONDAZIONE DI PIACENZA E VIGEVANO
 
CARIPARMA – Crédit Agricole
 
IREN Emilia
 
con il contributo di 
 
MINISTERO PER I BENI E LE ATTIVITA’ CULTURALI Dipartimento dello Spettacolo
 
REGIONE EMILIA ROMAGNA
 
LOCANDINA
 
venerdì 7 marzo 2014 – ore 21 
 
Teatro Gioia 
 
IL SACRO DELLA PRIMAVERA 
 
da “La Sagra della Primavera” di Igor Stravinskij danzato e creato da Andrea Capaldi, Ambra Chiarello, Massimiliano Frascà, Francesco Gabrielli, Sara Ippolito, Carlo Massari, Alessandro Pallecchi, Gianluca Pezzino, Livia Porzio, Emanuela Serra, Giulia Spattini, Chiara Taviani, Teresa Timpano
 
ideazione e coreografia Michela Lucenti
 
incursioni sonore Maurizio Camilli
 
produzione Balletto Civile
 
in collaborazione con Fondazione Teatro Due
 
SPETTACOLO VINCITORE PREMIO ROMA DANZA 2011 
 
PREZZI
 
Posto unico non numerato euro 15 (intero) euro 13 (ridotto) euro 10 (studenti e scuole di danza) 
 
gratis possessori family card
 
INFO E BIGLIETTERIA
 
TEATRO GIOCO VITA, Via San Siro 9, Piacenza – Telefono 0523.315578 – biglietteria@teatrogiocovita.it. Orari di apertura: dal martedì al venerdì ore 15-18. Il giorno dello spettacolo la biglietteria funziona unicamente nella sede della rappresentazione a partire dalle ore 19 (Teatro Gioia, via Melchiorre Gioia 20, tel. 0523.1860191).
 
Per informazioni: Teatro Gioco Vita – Teatro Stabile di Innovazione, Biglietteria 0523.315578 – Uffici 0523.332613.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.