Quantcast

“La solidarietà vince la solitudine”, cercasi volontari a Fiorenzuola

“La Solidarietà vince la Solitudine” si propone di realizzare un’azione di contrasto al fenomeno della solitudine, dell’abbandono e dell’esclusione sociale, mediante l’attivazione di appositi centri di ascolto che, in sinergia con i servizi sociali territoriali e avvalendosi della rete dei sevizi offerti, possa dare risposte concrete alle richieste di aiuto di cittadini.

“La Solidarietà vince la Solitudine” è il progetto promosso da 23 organizzazioni, tra associazioni di volontariato, enti e privati, operanti sul territorio del Distretto sociosanitario di Levante, presentato nella Sala dell’Orologio del Comune di Fiorenzuola dall’assessore provinciale a Welfare, Sussidiarietà e Politiche Sociali Pierpaolo Gallini, dal sindaco di Fiorenzuola Giovanni Compiani, da Rossana Ferrante, direttore del Distretto di Levante, da Giovanni Ferrari, presidente del Comitato Consultivo Misto degli Utenti di Levante, da Giovanna Dolcini, responsabile del servizio integrato per l’accesso del Distretto di Levante, dalla tesista magistrale del progetto Mara Gregori e dalla responsabile del progetto Chiara Incorvaia. 
 
“La Solidarietà vince la Solitudine” si propone di realizzare un’azione di contrasto al fenomeno della solitudine, dell’abbandono e dell’esclusione sociale, mediante l’attivazione di appositi centri di ascolto che, in sinergia con i servizi sociali territoriali e avvalendosi della rete dei sevizi offerti, possa dare risposte concrete alle richieste di aiuto di cittadini.
 
“Soprattutto in questa fase – ha spiegato l’assessore provinciale Gallini – il volontariato riveste un ruolo cruciale e riesce spesso ad arrivare dopo non può arrivare lo Stato”. Il sindaco di Fiorenzuola Giovanni Compiani ha ringraziato lo Svep e le associazioni che hanno promosso il progetto, mettendo in evidenza l’importanza della solidarietà: “La qualità di una comunità si misura anche e soprattutto dal numero di persone che dedicano il loro tempo per aiutare chi è più in difficoltà”. 
 
Sulla stessa linea Rossana Ferrante: “Questo è un progetto “del fare”, è un invito esplicito a dare una mano agli altri, è un progetto che coglie uno dei bisogni più sentiti dalla persone in difficoltà. Come Distretto di Levante invito tutto i cittadini ad aderire”. Il progetto punta a formare 25 volontari: tutti cittadini sensibili ai temi del volontariato attivo, che abbiano compiuto i 22 anni di età e ritengano di avere attitudine all’ascolto e alle relazioni interpersonali, sono invitati a proporsi al percorso di formazione propedeutico alla realizzazione del progetto che si terrà a Fiorenzuola e che prevede:
 
• formazione in aula, (30 ore complessive da effettuarsi da aprile a giugno 2014 )
 
• tirocinio in affiancamento (15 ore complessive da maggio a novembre 2014).
 
Per partecipare deve essere presentata domanda entro il 25 marzo 2014. A Dicembre 2014 sarà presentato alla comunità il sevizio di sportello con le relative modalità operative, supportato dai nuovi volontari e dalle organizzazioni di volontariato interessate e verificato durante la sperimentazione.
 
La modulistica per la partecipazione al corso è reperibile presso:
 
• Ufficio URP dell’AUSL di Fiorenzuola (Largo Gabrielli 4 – Fiorenzuola d’Arda)
 
• Centro di Solidarietà di Piacenza (via San Giovanni 7 – Piacenza, tel. 0523.327646)
 
• Centro Servizi per il Volontariato SVEP (via Capra 14/C – Piacenza, tel. 0523 306120)
 
Per saperne di più, siti WEB:
 
• www.svep.piacenza.it
 
• www.ausl.pc.it
 
• www.avis.it/piacenza
 
Per informazioni:
 
• mail all’indirizzo: progetto.solitudine@gmail.com – Chiara Incorvaia
 
• telefonando al 338.8895714 – Giovanni Ferrari

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.