Quantcast

Open Day, il Politecnico apre le sue porte alla città FOTO foto

La Scuola di Architettura e Società del Politecnico di Milano, Polo territoriale di Piacenza, ha aperto le sue porte alla città. La giornata di oggi, ricca di eventi, presentazioni e dibattiti, ha presentato ai piacentini, ed in particolare, agli studenti i programmi e le iniziative didattiche e culturali in corso

La Scuola di Architettura e Società del Politecnico di Milano, Polo territoriale di Piacenza, ha aperto le sue porte alla città. La giornata di oggi, ricca di eventi, presentazioni e dibattiti, ha presentato ai piacentini, ed in particolare, agli studenti i programmi e le iniziative didattiche e culturali in corso.

Due le mostre, di alto valore culturale, allestite nei padiglioni del Campus Arata dove, in prima mattina è stato presentato il corso di studio laurea in Progettazione dell’Architettura. Alle ore 12, nel Padiglione Vegezzi (Urban Center) taglio del nastro per la presentazione del progetto “Sustainable, Social, Economic and Environmental Revitalization in the Historic Core of Multan City”. Numerosi i pannelli didattici ed i video illustranti l’iniziativa di rigenerazione urbana dell’affascinante meta del Punjab Pakistano: un’iniziativa che ha coinvolto circa 70 tra professori e ricercatori del Politecnico di Milano e che ha avuto come obiettivo la mappatura della città con l’individuazione degli hotspot storico-culturali, lo studio del Master Plan per l’area pilota con l’analisi dei problemi energetici e della qualità dell’aria per poi passare nel dettaglio a quelli del traffico, dell’acqua e dei servizi igienici.

Sono intervenuti all’inaugurazione della mostra Guya Bertelli (responsabile dello sviluppo e dell’internazionalizzazione degli studi di architettura presso il Polo Territoriale di Piacenza, Politecnico di Milano), Francesco Timpano (vice-sindaco del Comune di Piacenza), Giampio Bracchi (presidente della Fondazione Politecnico di Milano) e Adalberto del Bo (Coordinatore scientifico del progetto “Multan Walled City”). Il progetto passerà ora alla fase operativa. La mostra rimarrà allestita sino al 28 febbraio; poi si sposterà a Lecco e a Mantova.

Nel pomeriggio, alle 14 (Padiglione Mandredi), si inaugura una seconda mostra, dedicata alle “Idee di Architettura” di Giuseppe Rebecchini, già docente di Progettazione architettonica alla Sapienza di Roma e oggi visiting professor a Piacenza. L’esposizione è composta da una serie di disegni capaci di testimoniare e comunicare il momento iniziale del progetto di architettura.

Interverranno all’inaugurazione il professore emerito del Politecnico Sergio Crotti e il presidente dell’Ordine degli Architetti di Piacenza Giuseppe Baracchi.

Nel pomeriggio seguiranno altre iniziative tra cui la presentazione di alcuni libri sui temi della progettazione architettonica, curati dai professori del Politecnico di Milano, e la proiezione di film e video che indagano figure emblematiche della storia e dell’attualità dell’architettura.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.