Quantcast

Orchestra Cherubini protagonista del Ravenna Festival 2014

Diversi sono infatti gli appuntamenti che vedranno sotto i riflettori la formazione orchestrale fondata dal Maestro Riccardo Muti fin dal primo appuntamento, in programma il 5 giugno a Palazzo Mauro De Andrè a Ravenna

Più informazioni su

È una delle grandi protagoniste del Ravenna Festival 2014 l’Orchestra Giovanile “Luigi Cherubini”, fortemente presente nel programma della kermesse che si prepara a celebrare il venticinquesimo anniversario di vita e quest’anno ha come tema “1914: l’anno che ha cambiato il mondo”. Diversi sono infatti gli appuntamenti che vedranno sotto i riflettori la formazione orchestrale fondata dal Maestro Riccardo Muti fin dal primo appuntamento, in programma il 5 giugno a Palazzo Mauro De Andrè a Ravenna: in quell’occasione la “Cherubini” accompagnerà musicalmente l’esibizione di una straordinaria ballerina russa, Svetlana Zakharova, che si presenterà insieme a tre étoiles del Bolshoi con il consorte violinista Vadim Repin, nel duplice ruolo di solista e direttore dell’Orchestra.

L’11 giugno invece, sempre a Palazzo Mauro De Andrè, l’Orchestra si esibirà sotto la direzione del Maestro americano Kent Nagano: insieme alla formazione suonerà il pianista viennese Till Fellner in un programma magnificamente brahmsiano che sarebbe sicuramente piaciuto alla scrittrice Françoise Sagan.
Il 19 giugno, ancora a Palazzo Mauro De Andrè, sono in programma le “Canzoni dal secolo breve 1914-1991”: la cantante tedesca Ute Lemper assieme all’Orchestra piacentina diretta da Tonino Battista renderà omaggio a Eric J. Hobsbawm, cercando di coinvolgere il pubblico in un ammaliante viaggio musicale dalla Grande Guerra fino alla caduta del Muro di Berlino.

Il 30 giugno, a palazzo Mauro De Andrè, è previsto uno degli eventi più importanti del Ravenna Festival perché per la prima volta il Maestro Riccardo Muti dirigerà non solo la “Cherubini”, ma anche l’Orchestra Mozart di Bologna fondata e diretta da Claudio Abbado: per l’occasione Muti dirigerà dunque i due complessi sinfonici in un programma che prevede l’esecuzione del “Concerto per pianoforte e orchestra n. 3” di Beethoven con il solista David Fray e della “Sinfonia n. 5” di Ciajkovskij.

Infine, a chiudere in bellezza la partecipazione della “Cherubini” al Ravenna Festival, sarà il doppio appuntamento concertistico organizzato come ormai da tradizione nell’ambito de “Le vie dell’amicizia” in programma il 5 e il 6 luglio rispettivamente a Palazzo Mauro De Andrè di Ravenna e al sacrario militare di Fogliano Redipuglia, in provincia di Gorizia: in un omaggio alle vittime di tutte le guerre, la “Cherubini” diretta dal maestro Muti si esibirà nella “Messa da requiem” di Verdi assieme all’European Spirit of Youth Orchestra, al Coro del Friuli Venezia Giulia, al soprano Tatiana Serjan, al mezzosoprano Daniela Barcellona, al tenore Saimir Pirgu, al basso Riccardo Zanellato e a molti altri strumentisti e coristi provenienti dai principali paesi che presero parte alla prima guerra mondiale che si intende ricordare in quel solenne momento commemorativo.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.