Quantcast

Osservatorio Alberoni: è stato il febbraio più caldo di sempre previsioni

Il mese di febbraio 2014, risulta essere il più caldo in riferimento alla serie dati storica dell’osservatorio Alberoni. 

Più informazioni su

Il mese di febbraio 2014, risulta essere il più caldo in riferimento alla serie dati storica dell’osservatorio Alberoni di Piacenza.

Secondo l’analisi dell’osservatorio Alberoni, uno dei più antichi osservatori meteo  climatici italiani con uno fra i più grandi archivi storici di dati climatici questo febbraio è stato fra i più caldi di sempre.

Il valore di 7.3 °C, eccezionale statisticamente, ha superato la norma di 3.7 °C. Al secondo posto si colloca il 1966 con 7.1 °C, al terzo il 1974 con 7.1 °C e al quarto posto il 2007 con 6.8 °C.

Questo dato, conferma il trend climatico riferito all’aumento delle temperature dovute al cambiamento di clima. Il dato cumulato di precipitazioni si inserisce nella classe più alta (100-160 mm) e si colloca al quinto posto (serie dati 1802-2014) dopo 1972 159.6 mm, 1902 153.4 mm, 1947 140.2 mm e 1987 137.6.

Analisi meteo-climatica stagionale L’inverno 2013-2014 (Dicembre-Febbraio) si colloca termicamente fra i più bollenti con un valore medio di 5.8 °C. La temperatura media del periodo risulta essere anomala positivamente con uno scarto positivo di 3.5 °C. Il valore si inserisce al secondo posto dopo il 2007.

Questa stagione risulta tra le più piovose (non nevose) con un valore di 355 mm. Questo dato si colloca al secondo posto dopo l’inverno 1902 che presenta 378 mm. Il periodo climatico che stiamo attraversando si inserisce in una fase positivamente anomala a livello pluviometrico, questi periodi, che durano mediamente 10-15 anni, presentatno nel piacentino, valori annuali estremi compresi fra 1100 e 1800 mm. Gli anni settanta sono stati piovosi come i primi anni del 900 e la metà del 1800.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.