Quantcast

Pc Expo, Pollastri: “La Regione non può essere indifferente”

“Cosa andrà a dire il Paolo Dosi in Regione?”. Se lo chiede Andrea Pollastri (FI - PdL) preoccupato che la visita del primo cittadino di Piacenza a Bologna “sia solo un’operazione di facciata per far credere ai propri concittadini di star facendo il possibile per la nostra città e la nostra Provincia”

“Cosa andrà a dire il Paolo Dosi in Regione?”. Se lo chiede Andrea Pollastri (FI – PdL) preoccupato che la visita del primo cittadino di Piacenza a Bologna “sia solo un’operazione di facciata per far credere ai propri concittadini di star facendo il possibile per la nostra città e la nostra Provincia”.

“Auspico – prosegue – che il Sindaco non si limiti, per obbligo di partito, ad ascoltare supinamente le decisioni già prese sulla testa dei piacentini, ma punti i piedi e rimarchi con forza le ragioni del nostro territorio, della sua gente e della sua economia. “A quanto si apprende dalle varie dichiarazioni stampa – afferma ancora – Dosi potrebbe vantare il sostegno unanime di tutte le Istituzioni e del mondo politico piacentini, tutti concordi, al di là del colore politico, del bisogno di fermare una spogliazione che va avanti da troppo tempo e che non è più accettabile.”

Relativamente a Piacenza Expo, Pollastri nei giorni scorsi aveva pubblicato la risposta dell’Assessore allo Sviluppo Economico Giancarlo Muzzarelli ad una sua interpellanza in cui quest’ultimo confermava “L’impegno a realizzare un polo fieristico unico per l’Emilia Occidentale, comprendente Piacenza, Parma e Reggio Emilia”, suscitando un coro di sdegno da parte dei difensori dell’indipendenza dell’Ente piacentino che, come ha sottolineato lo stesso Pollastri, “avrebbe più prospettive legandosi alla Lombardia piuttosto che entrare nell’orbita parmense, dove sarebbe assolutamente marginalizzato”.

“Queste cose – sostiene l’azzurro – Dosi le dica a Muzzarelli, gli spieghi che Piacenza Expo non ha bisogno di essere incorporata ad altri Enti, ma ha bisogno piuttosto di avere investimenti regionali importanti, che le consentano di giocarsi la sfida di EXPO 2015 senza subire la concorrenza sleale delle altre Fiere emiliano-romagnole.”

“Expo Tunnel di Bologna – conclude – minaccia l’esistenza e lo sviluppo della piacentina Geofluid? È un fatto inaccettabile, un’inutile guerra tra territori a cui la Regione non solo non deve prestare il fianco ma verso cui deve intervenire per tutelare Geofluid e l’apparato delle industrie metal meccaniche e di raccorderia che costituiscono il fiore all’occhiello dell’economia piacentina.”

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.