Quantcast

Piacenza, Viali: “Ora deve essere una sfida personale”

C'è un solo risultato che il Piacenza può raccogliere domenica pomeriggio (14.30) al Garilli contro il Caravaggio: la vittoria. I biancorossi dopo la sconfitta rocambolesca di Mapello sono entrati in un vortice di crisi che riguarda principalmente i risultati

C’è un solo risultato che il Piacenza può raccogliere domenica pomeriggio (14.30) al Garilli contro il Caravaggio: la vittoria. I biancorossi dopo la sconfitta rocambolesca di Mapello sono entrati in un vortice di crisi che riguarda principalmente i risultati perché, sia contro il Pro Piacenza sia contro il MapelloBonate, le prestazioni ci sono state, ma la sensazione è che questa squadra sia vittima – da inizio stagione – di blackout dovuti un po’ a una debolezza mentale intrinseca ai giocatori e un po’ per eccessiva supponenza.

E siccome il girone lombardo non è fatto né per deboli né per squadre che si specchiano troppo, il risultato ora è che la squadra di Viali è fuori dai playoff e nel caso non trovasse i tre punti col Caravaggio potrebbero, addirittura, aprirsi nuovi terremoti di carattere tecnico-sportivo. «Se ho paura dell’esonero? Sinceramente non è nemmeno nei miei problemi». La vigilia in casa biancorossa

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.