Quantcast

Stasera al Melville presentazione di “Ti amo, mostro!”

Stasera al Melville Caffè Letterario di San Nicolò, dalle ore 21, si terrà la presentazione dell’Ebook “Ti amo, mostro!” scritto dagli allievi dalla Piccola Accademia Melville coordinati dallo scrittore piacentino Gabriele Dadati e edito da Emma Books. Il libro è il frutto del laboratorio di scrittura tenuto dallo stesso Dadati presso il caffè letterario Melville.

Stasera al Melville Caffè Letterario di San Nicolò, dalle ore 21, si terrà la presentazione dell’Ebook “Ti amo, mostro!” scritto dagli allievi dalla Piccola Accademia Melville coordinati dallo scrittore piacentino Gabriele Dadati e edito da Emma Books. Il libro è il frutto del laboratorio di scrittura tenuto dallo stesso Dadati presso il caffè letterario Melville. 

Otto mostri: vampiro, morto vivente, creatura di Frankenstein, spettro, licantropo, alieno, cavaliere senza testa e demone. Otto luoghi: camera d’albergo, cucina di ristorante, bagno pubblico, palestra, ufficio, negozio di dolciumi, autogrill e biblioteca. Il risultato? Otto racconti più o meno fantastici con una sfida comune: raccontare un storia d’amore… mostruosa.

Gli allievi della Piccola Accademia Melville hanno accettato la provocazione. E ci regalano un piccolo gioiello in cui i protagonisti, pur essendo mostri, riescono a svelarci il loro grande cuore umano.

Piccola Accademia Melville:
Paola Cerri (Piacenza, 1962) lavora come impiegata, è archeologa per studio e per passione, frequenta lettura e scrittura per sentirsi felice. La sua impresa più mostruosa l’ha compiuta a nove anni, tenendo in scacco un ambulatorio medico dove tentavano di praticarle la vaccinazione antitetanica. Alla fine ha avuto la meglio: è riuscita a scappare e ha trovato asilo a casa della zia.
Melania Dadati (Piacenza, 1975), diplomata al liceo linguistico, per ora si guadagna da vivere dando lezioni ai bambini. Ama il nuoto e leggere tanto e di tutto. La cosa più mostruosa che le sia mai capitata è stata a 10 anni al mare quando non si è accorta di aver perso l’apparecchio per i denti durante la notte fino a quando ha sentito l’urlo della cugina con cui dormiva che l’ha trovato sotto il suo fondoschiena.
Chiara Ferrari (Piacenza, 1973) insegna italiano e storia nella scuola superiore. La cosa più mostruosa che le è capitata nella vita è stata di infliggere una orribile morte a un grosso ragno, nero e peloso che stazionava nella vasca da bagno, soffocandolo con un’intera confezione di shampoo, unica arma a portata di mano.
Marco Ferrari (Piacenza, 1998) è uno studente liceale. Non si ricorda di cose mostruose che gli siano capitate: ma ha un lungo elenco di quelle che ha fatto capitare agli altri… A cinque anni, tanto per citarne una, ha addentato la mano di una bambina sconosciuta che non gli voleva far assaggiare il proprio panino.
Laura Forelli (Piacenza, 1992), incerta sul suo futuro, per ora lavora in una libreria. All’età di 8 anni ingoiò dell’inchiostro rosso dopo aver rotto una biro e lo fece credere sangue, ma poi lo scherzo finì e lei dovette andare all’ospedale. A fare la lavanda gastrica.
Alessandro Fummi, classe 1987. Ex giornalista, lavora ora presso uno studio di consulenze. Una volta fu mostro: durante una cena a casa di un patito di armi, dopo avergli fatto credere fosse una pistola vera, sparò per tre volte contro il suo migliore amico con una scacciacani.
Barbara Segalini (Piacenza, 1969) è un’intraprendente bancaria di dubbie speranze. Vive una vita mostruosamente pericolosa facendo la pendolare tra Piacenza e Milano per raggiungere il posto di lavoro.
Barbara Tagliaferri (Piacenza, 1965) lavora nella formazione professionale e insegna tedesco tutte le volte che può, quindi non sa mai dire con precisione cosa faccia nella vita, tranne leggere e scrivere, attività che ama in egual misura e pratica con passione. Pare che a meno di un anno abbia mangiato una saponetta trovata in bagno ad altezza bambino senza avere particolari conseguenze.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.