Quantcast

Le Rubriche di PiacenzaSera - Cinema

“Beppe e Gisella” e l’importanza di donare gli organi. Il film al Politeama

É stato presentato il film nato un progetto del Comitato "Una scelta consapevole" e prodotto dall’associazione culturale Cinemaniaci e da Arci Piacenza

Più informazioni su

“Beppe e Gisella. E l’intrepida ricerca di un pezzo di vita”. É stato presentato il film nato un progetto del Comitato “Una scelta consapevole” e prodotto dall’associazione culturale Cinemaniaci e da Arci Piacenza. Il film, con la regia di Andrea Canepari, é un racconto leggero e delicato che vuole proporre uno spunto di riflessione e di approfondimento sul tema della donazione di organi e tessuti. Nel cast ci sono tre attori professionisti d’eccezione: Mauro Mozzani, Fabrizio Rizzolo e Mariangela Granelli.

SCARICA LA SCHEDA DEL FILM

GUARDA IL TRAILER

“Tornare a guardare le cose con leggerezza – cosí ha esordito l’assessore al nuovo welfare Stefano Cugini che ha introdotto la presentazione dell’opera. “Con questo film – ha spiegato Manuela Cassola, responsabile del comitato “Una scelta consapevole” – vogliamo iniziare un discorso”. “Questo film é attuale, moderno – ha aggiunto Luigi Baldini di Aido – é un aiuto a diffondere la cultura della donazione”. Soprattutto alle nuove generazioni: come ha spiegato il dott. Franco Fontana già numerose scuole hanno contattato il comitato “Una scelta consapevole” per richiedere proiezioni del filmato nei loro istituti.

Presente anche Piero Verani, presidente di Cinemaniaci: “Abbiamo lavorato per 1 anno e mezzo – ha spiegato – per realizzare quest’opera”. Si tratta della prima produzione dell’associazione Cinemaniaci. “Abbiamo voluto creare un prodotto diverso, non didascalico, non noioso, non drammatico”. Ne é nato un prodotto informativo ma nel contempo piacevole. Il film, della durata di 20 minuti, sarà proiettato, giovedí 6 marzo alle ore 21, al Cinema Teatro Politeama.

Infine é intervenuto, per Arci, Alessandro Fornasari. “Questi ultimi mesi sono stati molto intensi – ha spiegato sottolineando l’importante campagna di raccolta fondi che ha visto, tra i protagonisti, la Fondazione di Piacenza e Vigevano, il comitato “Una scelta consapevole” e Aido. Al tavolo dei relatori era seduta anche Stefania Guardincerri di Cinemaniaci.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.