Chiusura postale di Piacenza, il no dei sindacati di polizia

Sap e Siap esprimono forte contrarietà sulla paventata chiusura della sezione della polizia postale di Piacenza che rientra all’interno della spending review del comparto sicurezza proposta dal Governo

Più informazioni su

Interviene anche il sindacato di polizia Sap sulla paventata chiusura della sezione della polizia postale di Piacenza. Chiusura che rientra all’interno della spending review del comparto sicurezza proposta dal Governo, che secondo i piani porterebbe alla soppressione di 267 presidi di polizia in tutta Italia. Di seguito il comunicato a firma di Ciro Passavanti.

Il Sindacato Autonomo di Polizia dice NO alla chiusura della Polizia Postale. Continuiamo a sostenere che in questo modo non risolveremo il problema. I veri traumi della sicurezza non dipendono dai presidi di polizia che in questo periodo sono sotto la mira del governo che vorrebbe eseguire una drastica chiusura giustificandola quale “taglio obbligatorio” o col termine di spending review. La realtà è che in questo Paese mai assisteremo a delle decisioni che hanno un senso compiuto.

Sette forze di polizia e la soluzione a Piacenza è visibile esclusivamente con l’eliminazione della Polizia Postale? A cinque giorni di distanza dal nostro congresso provinciale diverse forze politiche hanno condiviso il nostro messaggio: il vero ostacolo della spesa pubblica sono sette forze di polizia e tra tutti i Paesi Europei l’unica nazione a dimostrarsi anomala è l’Italia che, per conservare un sistema di burocrazia, non vuole affrontare una discussione reale sui problemi di sette forze di polizia e la volontà di tagliare laddove è veramente necessario. Una specialità, quella della Polizia Postale e delle Comunicazioni che non necessita di alcuna presentazione.

L’importanza della sua presenza sul territorio è palese. L’evoluzione delle attività affrontate nel corso di questi anni sono avvenute a costo zero. Eppure al Ministero lo sforzo è stato minimo: riprendere la vecchia bozza delle revisioni e gli stessi tagli designati pronti da attuare…ed il gioco è fatto!! Ingegnoso, a dir poco! A questo punto, il SAP di Piacenza annuncia lo stato di agitazione, e questa segreteria provinciale potrà mettere in atto imminenti iniziative “singolari” per sostenere la dignità dei poliziotti e delle loro famiglie. con la speranza che questo messaggio possa essere recepito, mi rimane da fare un appello a tutte le forze politiche di Piacenza, di ogni appartenenza: non permettete di lasciar venir meno anni di esperienza di personale altamente qualificato solo per una mera quantificazione di numeri (sette persone). Finora sono stati questi sette poliziotti a reggere il lavoro di tutta la Sezione per un’intera provincia).


Chiaravalloti (Siap): “Nessun passo indietro sulla sicurezza in internet”

Sul tema torna ad intervenire anche il segretario regionale Siap (Sindacato Italiano Appartenenti Polizia) Sandro Chiaravalloti, presente a Roma per la riunione della segreteria e del direttivo nazionale del sindacato alla quale ha partecipato anche il vice capo della polizia Matteo Piantedosi. 

“Un dibattito intenso – spiega Chiaravalloti – sul riordino delle carriere e soprattutto sulla riorganizzazione e chiusura degli uffici di polizia, con una condivisione critica sul metodo in cui è stata avviata la ristrutturazione sulla quale c’è ancora un ampio margine di trattativa; il mio intervento ha evidenziato quanto è importante non fare nessun passo indietro sulla sicurezza del territorio virtuale di internet e quanto sia indispensabile mantenere il servizio eccellente effettuato oggi dalla Polizia postale”.

“Ho espresso – prosegue – parere negativo su questa chiusura e ho chiesto che qualora si dovesse malauguratamente avverare con lo spostamento del servizio presso le questure ci siano direttive normative chiare che non consentono interpretazioni tanto care a una parte della dirigenza che molte volte ha dimostrato incapacità e personalizzazione”. “Nei prossimi giorni organizzerò assemblee sindacali e convocherò la segreteria regionale a Piacenza per un momento di discussione e formazione tesa ad aprire il dibattito in tutta la regione affinché nel prossimo direttivo nazionale Siap che avverrà presto ci sarà una presa di posizione definitiva riportando gli esiti delle assemblee”.

“La riunione della segreteria regionale – conclude – avverrà presso la scuola di polizia di Piacenza per la quale ancora non si sa nulla in quanto la riorganizzazione degli istituti di istruzione sarà avviata in un secondo momento. Quello che oggi posso promettere e una condivisione sindacale attraverso un dibattito leale e trasparente a tutti i colleghi e cittadini”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.