Consiglio presbiteriale, Elena Camminati confermata al vertice di Azione Cattolica foto

Don Giorgio Bosini lascia l’incarico di economo della diocesi. Al suo posto il Vescovo, sentito il consiglio per gli affari economici, ha nominato “ad quinquennium” don Pietro Bulla , attuale parroco di San Lazzaro in Piacenza

Più informazioni su

Su disposizione del Vescovo Gianni Ambrosio si è riunito giovedì, nella Sala degli Affreschi di Palazzo Vescovile, il Consiglio presbiterale diocesano. I lavori sono stati coordinati da mons. Luigi Chiesa; segretario don Paolo Camminati.

Inizialmente il vicario generale mons. Giuseppe Illica ha dato all’assemblea alcune comunicazioni relative alla vita diocesana. Ha ricordato che continua la visita pastorale del Vescovo e che gli incontri con le comunità sono sempre stati accolti molto positivamente: “si registra nella gente un grande desiderio di incontro”. Nei prossimi mesi è prevista la celebrazione di alcuni centenari: in primo piano quelli relativi alla costituzione in diocesi di Bobbio, del cardinale Agostino Casaroli e i 150 anni del Collegio Alberoni. Previsto anche un ricco calendario per ricordare la figura del cardinale Ersilio Tonini: da celebrazioni in diocesi, il 12 giugno in occasione della festa in seminario, ad un pellegrinaggio a Ravenna in settembre. In programma anche celebrazioni per il Servo di Dio Francesco Torta.

Il Vicario generale ha poi riferito del suo recente viaggio in Brasile dove ha visitato le comunità che hanno ospitato o ospitano missionari diocesani. Nell’estate nel 2015 queste comunità saranno visitate anche da un gruppo di giovani piacentini. La notte di Pasqua quattro catecumeni verranno battezzati; importante la prossima ordinazione sacerdotale che si terrà il 14 giugno.

A questo proposito il Consiglio presbiterale ha discusso sulla necessità di scegliere, nel futuro, un altro periodo per le ordinazioni sacerdotali in quanto giugno è un mese delicato per i seminaristi impegnati negli studi. Altre date potrebbero interferire con la normale attività pastorale delle parrocchie: da qui la necessità di analizzare attentamente il problema in quanto l’ordinazione di nuovi sacerdoti interessa l’intera comunità diocesana.

Anche il Vescovo ha sottolineato l’importanza  della diocesanità di un’ordinazione sacerdotale ed ha sostenuto la necessità di un esame approfondito della scelta della data.
Il Consiglio ha poi analizzato il ruolo della pastorale con l’augurio che “torni ad essere missionaria” con una eventuale ridistribuzione del clero e impegno dei laici.

La relazione del Vicario generale, poi ampiamente discussa dai presbiteri, si è articolata su alcuni punti. Il primo riguarda la proposta di una nuova evangelizzazione che miri a rendere missionarie le nostre comunità mettendo al centro i problemi della stessa comunità e non quello dei preti. Questo, tenendo presente che siamo di fronte ad una  sensibile diminuzione del clero mentre la popolazione sta dando vita ad una nuova distribuzione suo territorio.

Tra le soluzioni vi è quello di una nuova ristrutturazione della curia diocesana con una semplificazione delle strutture, con il loro adeguamento alle nuove realtà e con un maggiore coinvolgimento dei laici. Sulla ristrutturazione della diocesi diversi sono stati i contributi: un tema costante è stato quello del prevalere dell’evangelizzazione, di non chiudersi nella conservazione, di essere attenti al nuovo arrivando presto, anche in ambito del Consiglio presbiterale, a scelte concrete.

A questo proposito il Vescovo ha avuto parole di ringraziamento per il clero che sta vivendo con dedizione questo momento caratterizzato dal cambiamento. Nel cambiamento – sintetizziamo il pensiero di mons. Ambrosio – dobbiamo inserirci senza offendere le persone e avendo cura di mettere in conto il patrimonio che ci consegna la storia. Nel cambiamento le Unità pastorale dovranno mantenere un ruolo centrale come sta dimostrando la Visita pastorale in corso e come ha evidenziato un esempio attuato in diocesi (comunità di Roveleto e vicine).

Don Bosini lascia l’incarico di economo della diocesi. Verrà sostituito da don Pietro Bulla
Il Vescovo ha avuto parole di ringraziamento per don Giorgio Bosini che lascia l’incarico di economo della diocesi. Era da tempo che il sacerdote chiedeva di essere sostituito. Ora al suo posto il Vescovo, sentito il consiglio per gli affari economici, ha nominato “ad quinquennium” don Pietro Bulla, attuale parroco di San Lazzaro in Piacenza. Don Bulla assumerà il nuovo incarico e manterrà i propri incarichi.

In un suo intervento don Giorgio Bosini ha sottolineato la necessità che le parrocchie siano assicurate sulla responsabilità civile collegata ai vari edifici che sono chiamate a gestire  e a questo proposito ha illustrato una convenzione che la diocesi ha recentemente stipulato con la Società Cattolica Assicurazioni.

Sempre don Bosini, richiamando le difficoltà che presenta oggi il settore amministrativo a livello diocesano e parrocchiale, ha sottolineato la necessità di coinvolgere sempre di più laici con una specifica preparazione.

Vi sono state poi alcune comunicazioni.
Il Vescovo ha comunicato che nella notte tra il 28 e il 29 marzo in San Donnino a Piacenza si terrà una veglia di preghiera eucaristica nell’ambito della quaresima e tutti coloro che lo vorranno potranno accostarsi al sacramento della penitenza. La Chiesa di Piacenza accoglie così uno specifico invito del Pontificio Consiglio per la promozione della nuova evangelizzazione. Iniziative simile potrebbero essere attuate anche in altri centri della diocesi.

Da parte sua don Mario Poggi, ricordando la celebrazione dell’anno millenario della diocesi bobbiese, ha comunicato che sono in programma diverse iniziative nei prossimi mesi: incontri   di giovani si terranno in maggio, mese in cui, nel giorno 15, si saranno ritiri anche per i sacerdoti.

Elena Camminati presidente diocesana dell’Azione Cattolica

Oltre alla nomina del nuovo economo della diocesi, don Pietro Bulla, ricordiamo che la Cancelleria vescovile rende  noto che con Atto proprio Mons.  Vescovo in data 12 marzo 2014 ha confermato  “ad triennium”  la prof.ssa Elena Camminati, della parrocchia di San Paolo in San Polo di Piacenza, nell’incarico di presidente dell’Azione Cattolica diocesana.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.