Fisco, il reddito medio a Piacenza è 20mila 545 euro. Gazzola comune più ricco

Il Dipartimento delle Finanze pubblica le statistiche sulle dichiarazioni dei redditi delle persone fisiche (Irpef) relative all’anno d’imposta 2012. Comune di più "ricco" si conferma Gazzola, seguito da Gossolengo e da Caminata LA TABELLA

Più informazioni su

Il Dipartimento delle Finanze pubblica le statistiche sulle dichiarazioni dei redditi delle persone fisiche (Irpef) relative all’anno d’imposta 2012, a sei mesi dal termine di presentazione (settembre 2013). I dati sono ora disponibili in versione OPEN DATA con una nuova veste grafica.

Secondo le nostre elaborazioni dei dati pubblicati sul sito del Ministero, il reddito medio in provincia di Piacenza (imponibile Irpef) è pari a 20mila euro e 545. Comune di più “ricco” si conferma Gazzola, seguito da Gossolengo e da Caminata, quarta piazza per il capoluogo Piacenza. Quello più povero è Corte Brungnatella. 

SCARICA LA TABELLA CON LA NOSTRA ELABORAZIONE

Per una corretta interpretazione dei dati statistici occorre fare riferimento al contesto macroeconomico dell’anno: nel 2012 il PIL ha avuto una consistente contrazione (-0,8% in termini nominali e -2,5% in termini reali), in controtendenza rispetto alla lieve ripresa registrata nei due anni precedenti.

Più di 41,4 milioni di contribuenti hanno assolto direttamente l’obbligo dichiarativo attraverso la presentazione dei modelli di dichiarazione Unico e 730, ovvero indirettamente attraverso la dichiarazione dei sostituti d’imposta (Modello 770). Il numero dei contribuenti risulta in lieve aumento (+0,2%) rispetto all’anno precedente.

SCARICA IL COMUNICATO DEL MINISTERO

A livello nazionale il reddito complessivo totale dichiarato è pari a 800 miliardi di euro mentre il reddito medio è pari a 19.750 euro (+0,5% rispetto all’anno precedente). Si sottolinea che la variazione del Pil è riferita a dati aggiornati a ottobre 2013 e provenienti dal DataWarehouse delle statistiche prodotte dall’Istat e disponibili sul sito http://www.istat.it/.

L’analisi della distribuzione dei redditi evidenzia che l’ultimo ventile, ossia il 5% dei contribuenti con i redditi più alti, detiene il 22,7% del reddito complessivo, ossia una quota maggiore a quella detenuta complessivamente dalla metà dei contribuenti con i redditi più bassi. Il 90% dei soggetti dichiara invece un reddito complessivo fino a 35.819 euro. L’analisi territoriale conferma che la regione con reddito medio complessivo più elevato è la Lombardia (23.320 euro), seguita dal Lazio (22.100 euro), mentre la Calabria ha il reddito medio più basso con 14.170 euro; nel 2012 il reddito medio nelle regioni del centro cresce meno della media nazionale.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.