Quantcast

Mondialità consapevole, al via il percorso. Il calendario

Il percorso è indirizzato a volontari di associazione per la cooperazione internazionale, giovani interessati alla mondialità e insegnanti per capire insieme le dinamiche internazionali a livello geopolitico, economico e religioso (uno sguardo dall’alto), scambiarsi esperienze e testimonianze di cooperazione internazionale (uno sguardo dal basso)

Più informazioni su

“Quasi alla fine del mondo” è il titolo del percorso alla mondialità consapevole promosso da Svep – Centro di Servizi per il Volontariato, Università Cattolica del Sacro Cuore – Sede di Piacenza, Caritas diocesana di Piacenza-Bobbio e  Fondazione Migrantes. Il percorso è indirizzato a volontari di associazione per la cooperazione internazionale, giovani interessati alla mondialità e insegnanti per capire insieme le dinamiche internazionali a livello geopolitico, economico e religioso (uno sguardo dall’alto), scambiarsi esperienze e testimonianze di cooperazione internazionale (uno sguardo dal basso), supportare e stimolare la voglia di riformare il sistema socio-economico-istituzionale per renderlo più inclusivo – confrontarsi in modo critico sugli ambiti e le prospettive della mondialità (lettura condivisa e cooperativa) e offrire strumenti informativi ed operativi per chi fa cooperazione internazionale.

“Con questa iniziativa – spiegano gli organizzatori – si intende fornire un quadro generale di alcuni dei principali assi necessari per orientarsi consapevolmente nella conoscenza e azione nell’ambito della mondialità: la finanza, lo sviluppo e i contesti di povertà mondiali. Si tratta di una proposta di base che si apre a due prospettive: da un lato desidera intrecciare i cammini di operatori, organizzazioni, associazioni e gruppi di volontariato in vista di costruire momenti comuni di approfondimento; dall’altro vuole avviare, nei prossimi anni, un itinerario di formazione efficace ed articolato”.

IL PROGRAMMA:

Geopolitica
Venerdì 11 aprile

Prima parte: intervento di Luca Jahier (giornalista, esperto di cooperazione internazionale, di economia sociale e di politica europea e internazionale). Il quadro geopolitico generale dalla fine della guerra fredda a oggi
Seconda parte: riflessione condivisa a livello locale sulla tematica, con intervento di apertura di Africa Mission – Cooperazione e Sviluppo e Progetto Kamlalaf

Martedì 29 aprile
Prima parte: intervento di Francesco Vignarca (coordinatore della Rete italiana per il disarmo). Le guerre, l’industria bellica e il commercio delle armi
Seconda parte: riflessione condivisa a livello locale sulla tematica, con intervento di apertura del Tavolo per la Pace di Piacenza ed Emergency
Economia e cooperazione

Venerdì 9 maggio
Prima parte: intervento di Sara Balestri (ricercatrice Università Cattolica, cooperante, collaboratrice di ASERI, mem- bro del Network of European Peace Scientists). La povertà e gli aiuti internazionali

Seconda parte: riflessione condivisa a livello locale sulla tematica, con intervento di apertura di MLAL ed Ass. Michele Isubaleu

Venerdì 23 maggio
Prima parte: intervento di Vincenzo Tabaglio (docente di Agraria presso l’Università Cattolica). Le potenzialità della cooperazione internazionale: esperienze concrete in campo agricolo e di microcredito

Seconda parte: riflessione condivisa a livello locale sulla tematica, con intervento di apertura di Ass. Avè e Riccardo Grazioli (esperto di microcredito – Università Cattolica)

RELIGIONI:
Venerdì 30 maggio

Prima parte: intervento di Gaspare Mura (docente di Filosofia presso la Pontificia Università Urbaniana). L’influenza delle religioni sulle strutture politiche e sociali nel mondo: focus sul dialogo tra le religioni.

Seconda parte: intervento di Padre Francesco Rapacioli (Direttore del Seminario Teologico Internazionale del PIME, missionario in Bangladesh) Il dialogo tra le religioni: esperienze possibili, auspicabili o inattuabili?

MIGRAZIONI:
Venerdì 6 giugno

Prima parte: intervento di Padre Fabio Baggio (presidente dello Scalabrini International Migration Institute). Lo scenario migratorio attuale e le strategie di cooperazione

Seconda parte: riflessione condivisa a livello locale sulla tematica, con intervento di apertura di Ass. Mondo Aperto e dell’Ass. Diaspora Yoff

CONCLUSIONE DEL PERCORSO:
Data da definire

Prima parte: intervento di Milena Santerini (deputata, Docente di Pedagogia presso l’Università Cattolica, Direttrice del Centro di Ricerca sulle Relazioni interculturali, membro della comunità Sant’Egidio) Cooperazione, povertà e sviluppo: proposte pedagogiche

Seconda parte: riflessione e valutazione del percorso e individuazione di piste di lavoro locale condiviso

Tutti gli incontri si terranno alle ore 20 presso Universita’ Cattolica del Sacro Cuore di Piacenza – AulA 26
Il costo del corso è di 30 euro. Iscrizione obbligatoria (scarica il modulo)


SCARICA IL MODULO DI ISCRIZIONE

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.