Quantcast

Le Rubriche di PiacenzaSera - Le Recensioni CJ

Morning Phase (Beck), la recensione di PiacenzaSera.it

Dodicesimo album per l’estroso artista californiano, tra i precursori assoluti del lo-fi e del crossover tra i generi più disparati. Di nuovo accantonati l’elettronica e l’hip hop, Beck torna al folk bucolico di Sea Change, l’album che nel 2002 aveva segnato un’inaspettata svolta acustica

Più informazioni su

BECK
Morning phase (2014)

Dodicesimo album per l’estroso artista californiano, tra i precursori assoluti del lo-fi e del crossover tra i generi più disparati. Di nuovo accantonati l’elettronica e l’hip hop, Beck torna al folk bucolico di Sea Change, l’album che nel 2002 aveva segnato un’inaspettata svolta acustica.

Questa volta meno tormentato, anzi diremmo quasi spensierato.

La luminosa Morning – titolo quanto mai appropriato – apre infatti, dopo un’ouverture di archi, un disco che trasmette grande serenità, forse complice la sua recente conversione religiosa.
Difficile fare una scelta tra i pezzi.

Forse potremmo scegliere, oltre alla citata “Morning”, “Blackbird chain” e il suo jingle jangle tra Byrds e R.E.M., le semplici ma irresistibili “Heart is a drum” e “Say goodbye”, la malincolinca “Blue moon” che da qualche tempo girava sulla rete, infine la chiusura struggente e pianistica di “Waking light”, un pezzo che gli Wilco gli ruberebbero volentieri. Poche le cadute di tono, tra le quali l’impalpabile “Wave”.

Quello che impressiona è la maturità compositiva e la capacità di non annoiare, malgrado una raccolta quasi interamente unplugged. Unici inserti elettrici, gli echi e riverberi che stanno sullo sfondo, vaghe sfumature psichedeliche che rimandano ai primi Pink Floyd – ma senza la follia di Barrett.

Perfetto per queste prime giornate di primavera.


Giovanni Battista Menzani
@GiovanniMenzani

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.