Stop al questionario omosessualità nelle scuole, il caso in Parlamento

“Gli interventi contro le discriminazioni lgbt nelle scuole, già sporadici, sono sotto attacco - afferma il senatore Pd Lo Giudice, citando proprio il questionario per le scuole superiori di Piacenza oggetto nei giorni scorsi di diverse polemiche a livello locale

Più informazioni su

“Sulla lotta all’omofobia nelle scuole conto che dal Governo arrivino parole chiare”. C’è anche la vicenda del questionario informativo sull’omofobia destinato agli studenti di Piacenza all’interno dell’interpellanza parlamentare predisposta da Sergio Lo Giudice, senatore PD e Componente della Commissione Diritti Umani, e sottoscritta da altri senatori. “Gli interventi contro le discriminazioni lgbt nelle scuole, già sporadici, sono sotto attacco” – afferma Lo Giudice, citando proprio il questionario sull’omofobia per le scuole superiori di Piacenza oggetto nei giorni scorsi di diverse polemiche a livello locale.

“Il 22 marzo scorso – si legge nell’interpellanza – il dirigente dell’Ufficio scolastico provinciale di Piacenza prof. Luciano Rondanini ha inviato a tutti i dirigenti scolastici degli istituti superiori della città una circolare nella quale chiedeva di impedire la distribuzione di un questionario informativo sull’omofobia a scuola promosso dall’Assessorato alla Scuola del Comune”. “L’Ufficio scolastico – chiede Lo Giudice – ha agito di propria iniziativa o su sollecitazione del MIUR o dell’Ufficio Scolastico Regionale dell’Emilia Romagna?”.

“A Modena – prosegue – è stata impedita un’assemblea studentesca sul transessualismo, a Torino sono state rimosse delle schede informative dal sito del Comune; cosa ne è degli impegni assunti a livello comunitario? Si vuole o no mandare avanti la Strategia LGBT e i suoi obiettivi? Quando sarà data la delega oggi vacante alle Pari Opportunità?”

“Il sottosegretario Toccafondi (NCD) – conclude Lo Giudice, come riporta l’Ansa – ha promesso battaglia contro quella che considera “un’invasione di campo” e si è scagliato contro l’UNAR, l’ufficio antidiscriminazioni incaricato dal giorno di portare avanti la “Strategia per i diritti Lgbt. Siamo in presenza di un’inversione di rotta condivisa dal Ministro all’istruzione o di una somma di iniziative individuali? Conto che dal governo arrivino parole chiare”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.