Quantcast

“Cento mani di questa terra”, cuochi piacentini sotto i riflettori a Polesine foto

Tra i 40 cuochi anche quattro piacentini: Filippo Chiappini Dattilo "Antica Osteria Del Teatro" di Piacenza, Isa Mazzocchi "La Palta" di Borgonovo Val Tidone, Daniele Repetti "Nido del Picchio" di Carpaneto Piacentino, Claudio Cesena "Antica Osteria della Pesa" di Cadeo.

Più informazioni su

Da qualche anno a questa parte all’Antica Corte Pallavicina dei Fratelli Spigaroli, luogo magico di Polesine Parmense (Pr), si riuniscono il meglio della cucina e delle produzioni enogastronomiche  dell’Emilia Romagna, presentate direttamente dai migliori chef e produttori della regione, membri dell’Associazione CheftoChef emiliaromagnacuochi.

“Centomani, di questa terra” è una grande festa – in programma lunedì 14 aprile dalle ore 10 per tutta la giornata – in cui cuochi, produttori, gourmet, esperti del settore agroalimentare si confrontano sul futuro del cibo attraverso un ricco calendario articolato in otto forum di approfondimento della durata di un’ora ciascuno nel corso dei quali sono previsti gli interventi di una cinquantina di illustri ospiti. E offrono al pubblico, attraverso una serie di coinvolgenti show cooking, l’opportunità di assaggiare, scoprire, abbinare cibi e pietanze che rappresentano l’eccellenza dell’enogastronomia regionale interpretata da oltre 40 chef.

Ai fornelli anche quattro piacentini: Filippo Chiappini Dattilo “Antica Osteria Del Teatro” di Piacenza, Isa Mazzocchi “La Palta” di Borgonovo Val Tidone, Daniele Repetti “Nido del Picchio” di Carpaneto Piacentino, Claudio Cesena “Antica Osteria della Pesa” di Cadeo. Nella corte sarà anche allestito un mercato delle eccellenze enogastronomiche dei produttori soci di Cheftochef, e fra questi anche il Consorzio Salumi Piacentini.

I forum avranno differenti tematiche, per un’analisi a 360 gradi del mondo dell’alta ristorazione e delle eccellenze enogastronomiche, tra passato, presente e futuro: la formazione – Le regole per dar valore ai mestieri della ristorazione; l’Emilia Romagna nel mondo, vista dalla rivista “Fool”; la storia – La cultura gastronomica del ‘900 come base su cui innestare la rivoluzione della cucina d’autore; la moda – La ristorazione crea tendenze, al pari della moda, ma con qualcosa in più; la salute – Oggi il buono fa bene… ma come lo si riconosce?; la ricerca – Per un atlante dei grandi prodotti dell’Emilia-Romagna: il progetto Oltre; la comunicazione – La ristorazione 3.0, nuovi modelli di comunicazione; il futuro – Il valore di un territorio passa anche attraverso una ristorazione di qualità.

Organizza l’evento CheftoChef emiliaromagnacuochi (www.cheftochef.eu), l’associazione di cuochi e patron dell’Emilia Romagna, dei professionisti del gusto attenti alla qualità dei prodotti e al coinvolgimento dei consumatori. Oltre agli chef sono associati anche i migliori produttori e fornitori di prodotti agroalimentari e i gourmets di riferimento. Presidente dell’associazione è Igles Corelli, vicepresidente Massimo Bottura.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.