Otto defibrillatori alle forze dell’ordine e ai vigili del fuoco, la consegna foto

Diffondere i dispositivi di defibrillazione tra i laici. É questo lo scopo di un importante progetto regionale che a Piacenza si é concretizzato nella consegna, oggi nella sede del 118, di 8 defibrillatori a Polizia di Stato, Polizia Municipale, Polizia Ferroviaria, Vigili del Fuoco

Più informazioni su

Diffondere i dispositivi di defibrillazione tra i laici. É questo lo scopo di un importante progetto regionale che a Piacenza si é concretizzato nella consegna, oggi nella sede del 118, di 8 defibrillatori a Polizia di Stato, Polizia Municipale, Polizia Ferroviaria, Vigili del Fuoco.

Si tratta di un passaggio importante che corona e prosegue un percorso di collaborazione tra Ausl e Forze dell’Ordine ormai attivo da anni. “A Piacenza – ha detto il direttore generale Ausl Andrea Bianchi – Ausl e forze sociali hanno avuto la capacità di costruire una rete di protezione dalla morte improvvisa ben capillare sul territorio”. É una rete, sviluppatasi soprattutto grazie all’impulso dato da Progetto Vita, che come ha spiegato la dottoressa Enrica Rossi, ha permesso di attivare il codice blu; in caso di segnalazione di evento probabilmente defibrillabile il segnale arriva, non solo ai mezzi sanitari, ma anche nelle varie centrali delle forze dell’ordine. Nel 2013 sono state 305 le attivazione di codice blu. Nei primi tre mesi di quest’anno se ne contano 81.

“In questo modo – ha detto il primario del Reparto di Emergenza-Urgenza – Giovanni Quinto Villani – si crea un sempre maggior coinvolgimento delle forze sociali, che non si pongono quindi in alternativa o antagonismo rispetto alla rete sanitaria ma ne diventano una parte integrante”.

“Progetto VIta – Ha detto Il presidente di Progetto Vita Daniela Aschieri – ha cambiato la cultura delle emergenze in Europa. Gratificare Progetto Vita significa gratificare i tanti volontari che hanno lavorato, in tutti questi anni, nel loro tempo libero”. Presente il sindaco di Piacenza Paolo Dosi ed i rappresentanti delle forze dell’ordine ai quali sono stati consegnati i defibrillatori.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.