Documento strategico per lo sviluppo, il Comune raccoglie proposte online

E’ on line, nella sezione Piacenza Partecipa del sito web comunale, il “Documento strategico per lo sviluppo locale” approvato nei giorni scorsi dal sindaco Paolo Dosi e dalla Giunta,

Più informazioni su

Documento strategico per lo sviluppo, il Comune raccoglie proposte e suggerimenti

E’ on line, nella sezione Piacenza Partecipa del sito web comunale, il “Documento strategico per lo sviluppo locale” approvato nei giorni scorsi dal sindaco Paolo Dosi e dalla Giunta, come “Nuovo patto per la coesione, la crescita e la competitività” sul territorio. Un testo programmatico che viene da oggi sottoposto – tramite la possibilità di esprimere commenti e proposte su Internet, o rivolgendosi agli sportelli Quinfo di piazzetta Pescheria – al vaglio di tutti i cittadini interessati, nonché alle parti sociali, alle associazioni di categoria e ai diversi soggetti potenzialmente coinvolti, invitati peraltro a discuterne anche in occasione di un incontro pubblico già fissato per lunedì 27 maggio alle 21, all’auditorium Sant’Ilario.

Chi vorrà comunicare i propri suggerimenti potrà farlo sino al 12 giugno prossimo, compilando l’apposito form on line (accessibile anche tra le notizie in evidenza nella home page del sito www.comune.piacenza.it) o il questionario cartaceo disponibile all’Urp comunale, con ingresso dal cortile di Palazzo Gotico.

Il documento strategico, che a partire dalle problematiche rilevate in ambito locale mette in campo una serie di azioni mirate a reagire alla crisi, si può sintetizzare in cinque macroaree. Il primo punto, incentrato sulla partecipazione, richiama l’importanza del coinvolgimento della collettività piacentina – privati cittadini, parti economiche e sociali – nella stesura del documento, nonché la collaborazione tra enti e istituzioni.

La seconda parte, che riguarda i punti n. 2, 7, 8 e 10, è inerente allo sviluppo territoriale in chiave sostenibile, attraverso l’uso di energie pulite, la riduzione dei consumi, la trasformazione delle aree militari e dei beni demaniali, la promozione del polo logistico e del welfare, lo sviluppo dei servizi pubblici al cittadino. Il punto 13 concerne la promozione territoriale, intesa in particolare come valorizzazione del polo fieristico e organizzazione di iniziative mirate ad accrescere l’interesse turistico su Piacenza, anche in vista dell’Expo 2015.

I punti n. 3, 4, 5, 6 e 9 riguardano il sostegno al lavoro e all’impresa, prevedendo servizi mirati per l’occupazione giovanile e femminile, nonché per favorire il reinserimento, nel mondo del lavoro, degli adulti. Si parla inoltre di semplificazione burocratica per le imprese, supporto economico alle imprese innovative, informazione alle aziende sulle procedure di appalto della pubblica amministrazione. I punti 11 e 12, infine, trattano di rafforzamento del diritto allo studio e di finanziamenti per la ricerca e l’innovazione, con la creazione di un centro dedicato alle imprese culturali, dotato di apparecchiature accessibili, e l’offerta di spazi temporanei.

Il documento completo è scaricabile, in formato pdf, dal sito web comunale.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.