Arte e integrazione, inaugurata la mostra alla Ricci Oddi foto

Il laboratorio di arte extrascolastico che ha impegnato i bimbi disabili e i loro compagni delle scuole Primarie Vittorino da Feltre, Don Minzoni di Piacenza e dell’Istituto Comprensivo M. K. Gandhi di San Nicolò e di Rottofreno

Più informazioni su

Arte e integrazione, inaugurata alla Ricci Oddi mostra nata dal progetto Coopselios vincitore de “La Fabbrica del sorriso”.
“L’arteterapia come integrazione extrascolastica per i bambini proseguirà anche l’anno prossimo”

Il laboratorio di arte extrascolastico che ha impegnato i bimbi disabili e i loro compagni delle scuole Primarie Vittorino da Feltre, Don Minzoni di Piacenza e dell’Istituto Comprensivo M. K. Gandhi di San Nicolò e di Rottofreno, non si fermerà con l’inaugurazione della mostra “collettiva” dei bambini nella prestigiosa sede della Galleria Ricci Oddi. Proseguirà anche l’anno prossimo.

Lo hanno chiesto un po’ tutti di far proseguire quest’esperienza a metà tra l’integrazione e l’arte, dal presidente della Galleria Ricci Oddi Giuseppino Molinari ai bambini coinvolti, che hanno scorrazzato ancora ieri per le stanze disegnate da Giulio Ulisse Arata con un singolare entusiasmo, dalle insegnanti alle educatrici della cooperativa sociale Coopselios. E che il progetto non finisca con la mostra di ieri l’ha chiesto anche la presidente del Lions Club San Nicolò de Trebbiae Arte, Carmen Canevari: “Il nostro impegno è di farlo continuare anche l’anno prossimo”.

Tutto nasce da “La Fabbrica del Sorriso” di Mediafriends Onlus, che ha erogato a Coopselios il primo premio di un concorso nazionale che la coop piacentina si è vista aggiudicare con il progetto “Integrati… a regola d’arte”, che concretamente ha visto la partecipazione di oltre 80 bambini, 8 educatrici, un’arte terapista, le scuole e la galleria d’arte moderna di via San Siro.

Ieri è stato il momento del taglio del nastro della mostra che sarà ospitata nei pressi dell’aula didattica della Galleria fino a domenica prossima, 1 Giugno. “L’amministrazione comunale ha colto con grande entusiasmo questa attività didattica e d’integrazione, che si concretizza in una dimora d’arte – ha sottolineato l’assessore del Comune di Piacenza Tiziana Albasi – così si riesce a stimolare la creatività dei bambini “nativi digitali” che necessitano di poche parole e tanti esempi per crescere e formarsi, e far correre la loro fantasia. Questo progetto va in questa direzione”. “In questo modo la galleria si apre alla città – ha commentato il presidente Molinari – e quale modo migliore se non passando dalle scuole? I lavori artistici dei bambini e il percorso che c’è dietro ci hanno emozionato, se avete intenzione di continuare la Ricci Oddi c’è”. E da subito, l’impegno per sostenere il laboratorio è arrivato dai Lions San Nicolò, che hanno “sia la Trebbia sia “l’arte” nel loro nome, come ha specificato la presidente Canevari.

“I ragazzi hanno interpretato opere d’arte attraverso laboratori con educatori esperti, formati appositamente, e il supporto di un’arteterapista – ha spiegato Ester Schiaffonati, direttrice d’area di Coopselios Piacenza e Parma – l’apprendimento che ne è nato non è solo didattico o artistico, è un apprendimento di vita per un progetto che ha fatto dello stare insieme, dell’integrazione, il suo fulcro”.
Dopo il taglio del nastro, ieri alla Ricci Oddi i bambini hanno fatto da guida a parenti a amici nello spiegare loro l’approccio all’astrattismo, alle arti plastiche e pittoriche che li hanno visti protagonisti. Un integrazione, come recita il progetto, a regola d’arte. Che si spera, visto il successo (le mostre faranno il giro delle scuole coinvolte dopo il 1 giugno) possa proseguire nei suoi laboratori extracurricolari anche l’anno prossimo.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.