Combattere l’obesità infantile e ridurre l’inquinamento, siglato protocollo

Promuovere la mobilità attiva, attraverso i percorsi sicuri casa - scuola nel Comune di Piacenza. Con questa finalità è stato sottoscritto un protocollo d’intesa tra Ausl, Comune e Ufficio scolastico provinciale, le cui finalità sono la promozione di uno stile di vita sano, fin dalla più tenera età, puntando sulla necessità di fare attività fisica a partire dal tragitto casa - scuola.

Più informazioni su

Promuovere la mobilità attiva, attraverso i percorsi sicuri casa – scuola nel Comune di Piacenza. Con questa finalità è stato sottoscritto un protocollo d’intesa tra Ausl, Comune e Ufficio scolastico provinciale, le cui finalità sono la promozione di uno stile di vita sano, fin dalla più tenera età, puntando sulla necessità di fare attività fisica a partire dal tragitto casa – scuola. Un primo obiettivo molto concreto è l’estensione, a quante più scuole possibile, del progetto Pedibus, che consiste nell’accompagnare a piedi i piccoli a scuola. Al momento a Piacenza vi hanno aderito solo 6 scuole, con circa 250 bambini coinvolti. Un numero ancora esiguo che il protocollo prevede di intensificare, con positive ricadute anche sulla qualità dell’aria. Il protocollo prevede l’individuazione di un gruppo di lavoro, di cui faranno parte gli enti promotori, per poi allargare la raccolta di contributi e progetti da parte di enti e associazioni, per definire gli interventi da adottare. La durata del percorso è di due anni, con uno stanziamento di risorse pari a 9mila euro. 

“L’obiettivo di questo protocollo è quello di diffondere buone prassi – dice il sindaco Paolo Dosi – e favorire il loro radicamento non solo nei bambini, ma anche nei loro genitori”. “L’iniziativa – aggiunge il direttore generale Andrea Bianchi – si inserisce in un concetto più ampio di prevenzione della salute. L’invito ai giovani nel fare attività sportiva è fondamentale, per contrastare l’obesità infantile”. “Proprio girando a piedi in città – commenta Luciano Rondanini, direttore Ufficio Scolastico Provinciale – i bambini potranno conoscere meglio Piacenza”. Luigi Rabuffi, assessore all’ambiente, ha condiviso le finalità del progetto, sottolineando come i ragazzi abbiano “una predispozione naturale nel raccogliere gli spunti che arrivano”. Aggiunge poi la collega Giulia Piroli “Questo procollo ha una forte valenza educativa. Secondo un’indagine il 52% dei bambini tra i 6 e i 10 anni si reca a scuola in macchina. Siamo lontani dai livelli auspicabili”.

Soddisfazione è stata poi espressa anche da Giuseppe Gregori, presidente della Federazione dei Medici Pediatri, da Davide Tagliafichi, responsabile del progetto dedicato al consiglio comunale dei ragazzi e di Giuseppe Magistrali, dirigente comunale. 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.