Quantcast

“La Terra è Madre del Vino”, edizione 2014 alle cantine Bonelli

Le cantine Bonelli ripropongono l’evento “la Terra è Madre del Vino” che si terrà sabato 14 giugno 2014 a partire dalle ore 16 presso la sede di Rivergaro. 

Più informazioni su

Le cantine Bonelli ripropongono l’evento “la Terra è Madre del Vino” che si terrà sabato 14 giugno 2014 a partire dalle ore 16 presso la sede di Rivergaro. Giunto all’8° edizione l’appuntamento rientra in un più ampio progetto aziendale di sostenibilità del proprio territorio e di responsabilità sociale e ha lo scopo di sensibilizzare l’attenzione riguardo l’argomento “terra” nelle sue possibili accezioni.

L’azienda vinicola, ubicata in una delle regioni più interessanti dell’Appennino settentrionale, diventa così un luogo di approfondimento dei concetti di terra, territorio, tipicità e identità culturale con il contributo di discipline diverse. Intento dell’azienda è infatti di promuovere una serie di eventi a carattere divulgativo che concorrano a sostenere e valorizzare le notevoli potenzialità della propria zona interagendo in progetti ad ampio raggio che possano favorire una maggiore visibilità.

Nelle passate edizioni si è spaziato da temi quali il Pianeta Terra, la Biodiversità, la Chimica, il Cinema. Quest’anno il focus dell’incontro è la famosa locuzione latina in medio stat virtus affrontato la tre angolazioni diverse: la salute, la comunicazione e un mezzo tradizionale di socializzazione come la musica da osteria.

All’incontro parleranno: 
Enzo Grossi, che negli ultimi anni si è dedicato in maniera particolare alle relazioni tra consumo culturale e benessere psicologico, è convinto che ogni paziente debba essere considerato con un approccio “olistico” e secondo un metodo multidisciplinare. Per questo, secondo lui, bisogna mettere in comunicazione campi e competenze apparentemente molto distanti tra loro; Fausto Colombo, che di recente si è occupato della comunicazione del cibo, con saggi sulle crisi del mercato alimentare e sul significato simbolico del cibo.

Gli interventi proveranno a definire i vari flussi comunicativi entro i quali si inserisce il vino, come mediatore di relazione fra le persone. E’ stato calcolato che se ogni americano bevesse due bicchieri di vino al giorno, le malattie cardiovascolari, che rappresentano quasi il 50% dei decessi in questa popolazione, potrebbe
essere ridotte del 40%, e potrebbero essere risparmiati ogni anno 40 miliardi di dollari, non per nulla, nella letteratura medica esistono oltre 12000 articoli che comprendono il termine vino. Duemila di questi riguardano i rapporti tra vino e salute umana.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.