Quantcast

Progetto “Shakespeare”, venerdì in scena “Sogno di una notte di mezza estate” foto

Torna il Progetto Shakespeare di Valentina Escobar il 13 Giugno al Filodrammatici

Il Progetto Shakespeare di Valentina Escobar, attrice, operatrice teatrale, formatrice e regista collaboratrice con diversi maestri del teatro italiano tra cui Carlo Battistoni, Andrea Jonasson, Marise Flach Robert Carsen, Walter Pagliaro, Oliver Kloeter e Alexander Edtbauer, è nato con la collaborazione del Teatro D’Europa e del Teatro Gioco Vita, stabile di Innovazione teatrale di Piacenza.
 
L’iniziativa festeggia la sua quarta edizione con “Sogno di una notte di mezza estate…incanti amorosi, poetici e musicali da Shakespeare e Mendelsshon alla Commedia Musicale”, il nuovo laboratorio- spettacolo autofinanziato dedicato al Grande Bardo inglese e a tutti i suoi appassionati di tutte le età che debutterà venerdì 13 giugno alle ore 21 al Teatro Comunale dei Filodrammatici di Piacenza.
 
L’incontro tra Teatro Gioco Vita e Valentina Escobar risale al 2001, in occasione dell’allestimento del Piccolo teatro di Milano durante la mostra-spettacolo “Un mondo di figure d’ombra”, in omaggio a Lele Luzzati. Alla realizzazione dello spettacolo ha partecipato anche la compagnia teatrale La Maschera di Cristallo, che possiede per la gran parte il merito di aver portato tra i giovani di Piacenza, con l’aiuto socio-pedagogico della regista Escobar, la passione per il teatro, cominciando con l’introdurre laboratori pomeridiani all’interno del liceo Gioia. 
 
“Questo in vista”, dice Giovanna Aglioli, direttrice della Maschera di cristallo e attrice dal 1993, “di proporre qualcosa che non rimanga all’interno delle mura piacentine, la cosiddetta rottura della quarta parete, e far conoscere ai giovani una realtà così affascinante come quella del teatro, immotivatamente messa da parte, nel corso degli ultimi tempi”. La rappresentante ha fatto anche presente che a Piacenza, dal ’93 a oggi, non è ancora stato instaurato un luogo a costo zero dove i giovani possano ritrovarsi per svolgere attività teatrali.

E la Escobar, “Il teatro deve instaurare legami tra le persone indipendentemente dal colore della pelle o dalla religione, uno scambio culturale a tutto tondo, in cui si incontrano i diversi modi di fare teatro, ma soprattutto, “riprendendo il pensiero della Aglioli, “fatto dai giovani per i giovani, in un ambiente che non ammette concorrenza, ma solo confronto e allargamento dei propri confini”. 

“Di fatto – continua la regista – Il teatro è una realtà a sè stante, in cui ognuno subentra per uscire dalla realtà vera propria, fuggire per qualche ora dai problemi della vita e liberare la mente, sia da parte dell’attore che dello spettatore”. E’ infatti un vero e proprio “dialogo” quello che instaura tra queste due entità, in cui l’uno non può esistere senza l’altro; e questa realtà la ritroviamo anche nel microcosmo del palco in sè, dove c’è una continua ricerca di rapporto tra parola, corpo e suono (con una colonna sonora che spazia da Verdi a Mendelsshon).

In particolare si ringraziano Giovanni de Iorio, presidente del Circolo Unificato di Presidio, che ha reso disponibile uno spazio per le prove, e il Piccolo teatro di Milano per la disponibilità nel prestare i costumi necessari. E’ possibile acquistare i biglietti del costo di €8 (posto unico) previo appuntamento telefonico al 339 6206300 oppure 3393553629 oppure 338 2080598 oppure presso la Biglietteria del Teatro Filodrammatici di Piacenza in via Santa Franca 33, tutti i giorni dalle 10 alle 13 e dalle 15 alle 19 e il giorno dello spettacolo dalle 17 alle 21.

CREDITI:

Progetto,Regia, drammaturgia, allestimento scenico e coreografie:Valentina Escobar 
Costumi: Valentina Escobar, Piccolo Teatro di Milano e Stefania Coretti

Personaggi e Interpreti (da Piacenza e Torino)

Teseo- Samuele Labò
Ippolita- Chiara Curci 
Egeo – Francesco Lizzi
Lisandro – Simone Savinetti (nel 2013 attore in “Falstaff” di Giuseppe Verdi, con particolare successo)
Demetrio- Alessandro Santoro
Elena- Verena Marenco e Clementina Labò
Ermia- Cecilia Dodici e Sara Ferrara
Oberon -Simone Savinetti e Francesco Lizzi
Puck- Samuele Labò
Titania – Arcangela Ricciardi
Fanciullo indiano – Sara Ferrara
Fate- Verena Marenco, Chiara Curci, Claudia Soressi, Erika Agnello e Greta Tedaldi
Maga-Clementina Labò
Elfi- Cecilia Dodici, Francesco Lizzi e Elisa Livi
Filostrato – Elisa Livi
Bottom- Piramo Verena Marenco
Quince- Prologo Greta Tedaldi
Flute- Tisbe Erika Agnello
Snug- Leone Claudia Soressi
Robin- Chiaro di Luna Elisa Livi
Stagno – Muro Francesco Lizzi.
Luci, audio e video: Alessandro Gelmini  
Macchinista: Davide Giacobbi

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.