Quantcast

Dopo Errani, il Pd sceglie le primarie di coalizione 

Primarie di coalizione per decidere chi sarà il candidato del centrosinistra alle elezioni regionali anticipate, dopo le dimissioni di Vasco Errani. E’ la proposta lanciata questa mattina in direzione regionale a Bologna dal segretario emiliano del Partito Democratico Stefano Bonaccini

Più informazioni su

Primarie di coalizione per decidere chi sarà il candidato del centrosinistra alle elezioni regionali anticipate, dopo le dimissioni di Vasco Errani. E’ la proposta lanciata questa mattina in direzione regionale a Bologna dal segretario emiliano del Partito Democratico Stefano Bonaccini nella sua relazione.

Bonaccini ha spiegato anche la scelta di rinviare il congresso regionale per consentire di affrontare la prova elettorale nelle condizioni migliori. La decisione di ricorrere alle primarie era stata chiesta all’indomani delle dimissioni di Errani da diverse voci del Pd emiliano. Bonaccini ha precisato che la scelta è stata definita dopo aver consultato tutti i segretari provinciali, anche quello di Piacenza Gianluigi Molinari.

Ora si apre la sfida interna nella corsa alle primarie che dovranno svolgersi subito dopo l’estate, visto che le elezioni sono probabili tra ottobre e novembre. Tra i papabili per una candidatura c’è il parlamentare modenese Matteo Richetti, renziano della prima ora, che lunedì sarà a Piacenza per un incontro pubblico già programmato. Nei giorni scorsi sono circolati anche i nomi di Roberto Balzani, ex sindaco di Forlì,la vicepresidente della Regione Simonetta Saliera e Graziano Delrio ex sindaco di Reggio Emilia e sottosegretario alla Presidenza del Consiglio. 

Legge elettorale regionale; Pollastri (FI): “La sinistra propone all’ultimo secondo quello che FI dice da anni”

“Ci sono volute le annunciate dimissioni del Presidente Errani con l’anticipata fine della legislatura per mettere all’ordine del giorno dell’Assemblea Legislativa una riforma della legge elettorale regionale che Forza Italia proponeva da anni senza essere ascoltata. Sarebbe stato meglio poterne discutere con calma e senza pregiudizi di sorta in questi mesi, invece di trovarci di fronte a una proposta da “prendere o lasciare” proprio negli ultimi giorni della Legislatura”.

Così commenta il consigliere regionale di Forza Italia Andrea Pollastri la presentazione in commissione per lunedì prossimo, 14 luglio, della proposta di modifica della legge elettorale a firma degli esponenti dei partiti della sinistra che governano la Regione.

“Da una prima lettura della proposta – continuo Pollastri – rilevo che gli elementi più significativi della stessa sono l’abolizione del listino del Presidente e l’introduzione della preferenza di genere. E la sensazione è che si voglia più che altro firmarsi uno spot per la campagna elettorale, dopo che per anni non è stato fatto nulla. Ho presentato, almeno due anni fa, una proposta di legge e successivamente firmata un’altra insieme a colleghi del gruppo di Forza Italia, Alberto Vecchi e Fabio Filippi, rivolte proprio nella direzione dell’abolizione del listino bloccato con cui vengono di fatto nominati 10 consiglieri regionali, introducendo per tutti l’obbligo di passare tramite le preferenze. La proposta di Forza Italia giace da mesi nei cassetti della Regione senza la volontà di portarla in Aula. Oggi, dopo le annunciate dimissioni del Presidente Errani, la sinistra propone una riforma della legge nella stessa direzione dell’abolizione del listino. Mi verrebbe da dire meglio tardi che mai, ma siccome la fretta è sempre cattiva consigliera penso che sarebbe stato meglio poterne discutere con più calma in questi anni, senza pregiudizi di parte e senza voler mettere cappelli politici alla questione”.

“Mi riservo – conclude Pollastri – di valutare pienamente e nel merito la proposta avanzata dalla sinistra, per capire appieno tutte le varie modifiche proposte, augurandomi che non si voglia far entrare dalla finestra quello che viene fatto uscire dalla porta. Mi auguro, inoltre, ci sia modo e tempo di discutere e non si pretenda una delega in bianco che non mi sento certo di dare”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.