“Fermare la guerra a Gaza” Oggi il sit in e l’appello alla giunta

Riceviamo e pubblichiamo l’appello delle affidatarie e affidatari piacentini di bambine e bambini che vivono a Jabalia, nord di Gaza, che annunciano una manifestazione martedì 29 luglio.

Più informazioni su

L’appello delle affidatarie e affidatari piacentini di bambine e bambini che vivono a Jabalia, nord di Gaza, che annunciano una manifestazione martedì 29 luglio.

La guerra di Israele contro Gaza continua da quasi tre settimane, e ora sta coinvolgendo anche i palestinesi della Cisgiordania che manifestano la loro solidarietà ai fratelli di Gaza, provocando anche nella West Bank morti e feriti.

Oltre mille i morti, migliaia i feriti. Tutti lo sanno: sono quasi tutti civili, moltissimi i bambini. E’ vero: Hamas lancia razzi verso Israele, per fortuna quasi tutti intercettati. Ma la sproporzione delle forze in campo è evidente.

I medici di ogni parte del mondo presenti nell’inferno di Gaza continuano a denunciare le disumane condizioni in cui “non vive” la popolazione della Striscia, l’impossibilità di portare soccorso, curare, proteggere. Anche le strutture dell’ONU non sono più luoghi sicuri dopo il bombardamento della scuola delle Nazioni Unite di Beit Hanoun.
In Israele ogni giorno ci sono manifestazioni e proteste contro la guerra, ma nessuno ne parla. Non tutto il popolo israeliano è così convinto che l’uso della potenza militare sia la soluzione per garantire la sicurezza ad Israele, e in molti chiedono di porre fine ai 47 anni di occupazione, all’embargo di Gaza, di riconoscere diritti e sicurezza al popolo palestinese, così come stabilito da decine risoluzioni delle Nazioni Unite.

Pochi giorni fa il Consiglio per i Diritti Umani dell’ONU ha votato a favore della formazione di una commissione d’inchiesta sui crimini di guerra commessi a Gaza: i paesi europei e l’Italia si sono astenuti. Forse fa paura guardare in faccia la verità?

Noi affidatarie e affidatari piacentini di bambine e bambini che vivono a Jabalia, nord di Gaza, siamo doppiamente coinvolti di fronte agli orrori che ogni giorno e ogni notte vanno ripetendosi in quella terra. Non riusciamo più ad avere contatti di nessun tipo con le famiglie. Non riusciamo a sapere come stanno.

Per questo martedì 29 luglio, alle 12.00 saremo davanti al Comune di Piacenza, in concomitanza con la riunione della Giunta, per chiedere che la stessa adotti urgentemente come propria delibera il documento proposto dal Coordinamento nazionale degli Enti Locali per la Pace e i Diritti umani “Fermiamo la guerra a Gaza. Costruiamo la pace in Medio Oriente”.

Noi affidatarie e affidatari invitiamo tutte le persone, le associazioni e i sindacati che hanno a cuore la salvaguardia dei diritti umani a manifestare insieme davanti al Comune.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.