Quantcast

Irlanda in Musica, sabato tocca ai Fullset foto

Sabato 19 luglio caleranno in Valtrebbia, direttamente dall’Isola di Smeraldo, i FullSet, ospiti per la prima volta della rassegna organizzata dal Comune di Bobbio con la direzione artistica di Fedro, i sei giovani musicisti porteranno in San Colombano la magia della loro Irlanda. 

Più informazioni su

Sabato 19 luglio caleranno in Valtrebbia, direttamente dall’Isola di Smeraldo, i FullSet, ospiti per la prima volta della rassegna organizzata dal Comune di Bobbio con la direzione artistica di Fedro, i sei giovani musicisti porteranno in San Colombano la magia della loro Irlanda. 

Nonostante il calendario degli appuntamenti di Irlanda in Musica quest’anno, così come era stato nelle ultime edizioni del festival, risulti particolarmente variegato e sperimentale, aperto a tutte le contaminazione presenti oggi nella grande casa del celtic folk, a Bobbio non può certo mancare un concerto di pura Irish Traditional Music. 

Paragonati dalla critica a mostri sacri come Danú ed Altan, i FullSet partono proprio dalla tradizione, da quella musica che scorre nelle loro vene di giovanissimi musicisti 
con formazione classica. Il loro suono, però, è assolutamente originale, ricco di energia ed innovazione. 

Al primo album della band, Notes at Liberty, che ha fatto man bassa di premi e riconoscimenti, è seguito un lungo tour mondiale, che ha portato i FullSet ad esibirsi nell’ambito della più importanti manifestazione di world music internazionali. Ritornati in patria, i sei ragazzi si sono ritrovati ad essere delle vere e proprie star, richiestissimi anche al di fuori dell’ambito folk tradizionale. 

Nell’ottobre 2011 i FullSet sono stati annunciati come i vincitori della RTÉ/RAAP Breakthrough Annual Music Bursary Award. Sono stati selezionati insieme ad altri 12 gruppi in 4 diverse categorie in vista di un campo di quasi 800 altri gruppi e artisti. Inoltre, nel 2012, i Fullset sono stati nominati come “Best New Group Award” dall’Irish American News, così come “Best New Comer” nei Live Ireland Awards di Bill Margeson.

L’attesissimo secondo album dei FullSet, uscito a Luglio dello scorso anno, si intitola Notes after Dark e contiene una dozzina di brani in cui, ancora una volta, si fondono alla perfezione tunes scatenate e brani più lenti ed emozionanti, che spaziano tra pezzi originali ed i classici della tradizione folk irlandese ma anche scozzese ed americana.

La line up del gruppo è composta da Janine Redmond, originaria di Dublino, una delle più promettenti e dinamiche suonatrici di accordion, Micheal Harrison, di Tipperary, nipote d’arte, il nonno è il grande Aggie Whyte, che è tra i giovani violinisti più noti dell’Isola, dalla stessa contea di Micheal arriva poi Eamonn Moloney, bodhrán, la cantante dei FullSet è Teresa Horgan, uscita da una delle famiglie di musicisti più note della contea di Cork, Teresa è anche la flautista della band, alla chitarra vi è poi Andrew Meeney, da Rathmines, nella County Dublin, autodidatta che si è fatto le ossa in innumerevoli session in giro per il paese.

Chiude la formazione, e gli spetta necessariamente una menzione d’onore, il piper della band, che è riuscito in un’impresa non facile: farsi accettare in una band di irlandesi DOC suonando uno degli strumenti più legati alla tradizione.

Lui è Martino Vacca, originario del torinese e figlio d’arte, il padre è il polistrumentista, specializzato in arpa celtica, Enzo Vacca. Martino suona il flauto da quando aveva appena quattro anni, e da una decina di anni si è trasferito in Irlanda dove ha proseguito lo studio degli strumenti a fiati con le uilean pipes, la cornamusa, di cui oggi è diventato uno dei più richiesti performers.

Il live dei FullSet ad Irlanda in Musica prenderà il via intorno alle 21.30, ma l’accesso a Piazza San Colombano sarà possibile a partire delle ore 19.30, quando apriranno al pubblico gli stand gastronomici gestiti dal ristorante La Vaca Loca.

Franco e Max proporranno leccornie a base di specialità di carne come Asado, costate di Angus, salamelle marinate alla Guinness ed il più classico dei piatti da festa estiva: gnocco fritto con salumi DOP. Accanto a questi piatti, gli stand de La Vaca Loca proporranno anche piatti vegetariani, come le gustose empanadas, fagottini di pasta con ripieno di verdure, o lasagne veg. 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.