Le Rubriche di PiacenzaSera - Tal dig in piasintein

L’angolo di Nereo: Morirete convenzionati

Nuovo contributo di Nereo Trabacchi, scrittore e anche blogger. 

Più informazioni su

Nuovo contributo di Nereo Trabacchi, scrittore e blogger. O meglio, questo contributo era già stato pubblicato qui. Noi ve lo riproponiamo. 

Piacenza non è una città per morti. O meglio, morire non è più un lusso. Meglio ancora: morire, oggi, è più conveniente grazie alla convenzione. Vengo e mi spiego. Gironzolavo sul sito del comune di Piacenza, quando, senza volontà alcuna, sono capitato nella pagina che esplica con dovizia come grazie a una convenzione tra il Comune stesso e alcune imprese di pompe funebri, sia possibile accedere a servizi funerari con prezzi bloccati. Un po’ come quando si va in un’agenzia di viaggi e se sei titolare di carte di credito o altro, puoi farti i Caraibi, le Antille o gli Stati Uniti a prezzi agevolati.

Una delle primissime frasi, sembra un vero e proprio spot: “Il Comune di Piacenza offre la possibilità di usufruire di funerali a prezzi convenzionati”. Coraggio, vieni anche tu con noi!, mi sento di aggiungere io. Ma attenzione: anche qui, come nei contrattini di viaggio, c’è la frase successiva che ti fotte. Infatti si legge ancora: “I familiari di persone decedute residenti nel Comune di Piacenza o di persone decedute nel Comune e destinate ai cimiteri cittadini, posso rivolgersi…”. Quindi non possiamo andare in prima persona a usufruire di questo servizio, ma saranno i nostri cari eredi a godersi i vantaggi di forti sconti; il dipartente deve solo assicurarsi di avere la residenza in città e di tirare le cuoia tra le mura, quindi attenzione, se state andando all’Auchan e sul ponte doveste sentite una fitta al petto, fate subito inversione e vedete di stramazzare tra le braccia dei pontieri, altrimenti addio a voi, ma anche ai prezzi della convenzione.
 

Ma vediamoli nel dettaglio. Se la vostra famiglia sceglie per l’inumazione, ovvero il seppellimento del vostro cadavere sotto terra, il costo sarà di 1300 euro. Se opteranno per la tumulazione, ovvero il loculo rialzato, costerà 200 euro in più. Questo in base a due principi chiari a tutti: anche nelle abitazioni i piani superiori hanno spese condominiali maggiori e poi per alzarvi a peso morto c’è da coprire il rischio ernia inguinale del becchino (il cui etimo non è in beccamorto, ma colui che becca su il morto).

Per ultima, ma non per importanza, la cremazione: e qui torniamo a 1300 euro perché la faccenda è piuttosto facile e quanto pare indolore, sempre se decidete di morire in un periodo non troppo caldo. Sempre nel sito, per non incappare in fraintendimenti, c’è l’elenco di quanto è compreso o meno in questi prezzi. Dentro avete: fornitura del cofano, (un modo più delicato e consono di chiamar la bara), il servizio di vestizione e incassamento, (non lesinate 100 euro di sconto, perché se non vi incassano il nonno è evidentemente un casino e ve lo devono legare sul coperchio del cofano, come una valigia sulla Fiat Palio), trasporto tra il luogo del decesso e luogo di culto (occhio agli orari telecamere se trapassate in centro storico perché la multa è a parte), e sepoltura in ambito comunale. Servizi non compresi: tasse (ma dai?), cremazione e concessione di manufatti (credo si intenda eventuali minchiate che il nonno ha chiesto di seppelir con lui), servizi aggiuntivi tipo necrologi e manifesti nel caso i famigliari vogliano rendere chiaro che ora è tutta roba loro. Occhio perché questa convezione sarà valida solo sino al 31 dicembre del 2014. Quindi, se proprio dovete, vi conviene affrettarvi.

 
Nereo Trabacchi
info@nereotrabacchi.it 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.