Quantcast

Addio al senatore Alberto Spigaroli, protagonista della cultura di Piacenza foto

E’ scomparso il senatore Alberto Spigaroli. Storico esponente della Democrazia Cristiana, è stato fino all’ultimo presidente dell’Ente Farnese. Il ricordo di Paolo Dosi, Massimo Trespidi, Paola De Micheli, Marco Bergonzi e Tommaso Foti.

Più informazioni su

E’ scomparso lunedì 18 agosto a Roma il senatore Alberto Spigaroli. Storico esponente della Democrazia Cristiana, è stato fino all’ultimo presidente dell’Ente Farnese. Protagonista della vita politica piacentina è stato un instancabile promotore di cultura. Si è spento nell’ospedale S. Giovanni della capitale dove si trovava ricoverato, lascia i figli Marcello e Roberto. I funerali si terranno a Roma mercoledì, a Piacenza al Corpus Domini alle 16 di giovedì.  

Alberto Spigaroli era nato a Besenzone il 13 gennaio 1922 e venne eletto senatore per la Democrazia Cristiana nel collegio di Fidenza nel 1963 col 37% delle preferenze. Fu anche sindaco di Piacenza nel 1961.

Protagonista e testimone della vita pubblica della nostra città e del paese, il senatore Albero Spigaroli aveva compiuto nel gennaio scorso 92 anni. Impegnato sul fronte storico e culturale fino all’ultimo come presidente dell’Ente Farnese, è uno dei personaggi che, insieme ad altri, hanno scritto pagine importanti della storia non solo piacentina.

Alberto Spigaroli, titolare di una cattedra di Italiano e Storia, ha insegnato per diversi anni in scuole secondarie superiori di Lodi (Istituto Magistrale) e Piacenza (Istituto Tecnico “Romagnosi”).

Dal 1955 al 1961 ha fatto parte della Segreteria Generale del Sindacato Nazionale Scuola Media (S.N.S.M.) di cui ha diretto l’organo settimanale “Il rinnovamento della Scuola”.

Nel 1961 è stato chiamato a ricoprire la carica di Sindaco di Piacenza e nel 1963 è stato eletto al Parlamento dove ha svolto la sua attività per quattro legislature, di cui tre al Senato (IV, V, VI) e una alla Camera dei Deputati (VII).

Durante questo periodo ha presentato diverse proposte di legge di cui 13 sono diventate leggi. Inoltre è stato nominato Sottosegretario unico al Ministero della Sanità (1974) ed al nuovo Ministero per i Beni Culturali e Ambientali per la cui organizzazione ha strettamente collaborato con i Ministri Giovanni Spadolini e Mario Pedini.

Successivamente è stato Sottosegretario al Ministero della Pubblica Istruzione.

Dal 1965 ha ricoperto la carica di Presidente dell’Ente per il restauro e l’utilizzazione di Palazzo Farnese, che sotto la sua guida ha svolto un’opera di fondamentale importanza con i finanziamenti ottenuti per il riscatto, ormai portato a termine, dell’insigne monumento vignolesco e dei fabbricati della Cittadella viscontea, nonché per l’allestimento dei Musei civici nei locali del complesso farnesiano visconteo recuperati.

Dal 1995 l’Ente Farnese si occupa anche del restauro delle mura rinascimentali, per le quali ha finora ottenuto fondi necessari per il restauro di quattro bastioni e di un considerevole tratto della cinta muraria.

Al suo interessamento si devono inoltre i finanziamenti statali assegnati per restauro di numerosi edifici monumentali, soprattutto religiosi, e di opere artistiche di Piacenza e provincia.

Lasciato il Parlamento, per dieci anni ha fatto parte del Consiglio nazionale per i Beni Culturali e del Comitato di Settore per i beni architettonici, con la carica di Vicepresidente. Per diversi anni è stato Vicepresidente vicario dell’Associazione ex parlamentari della Repubblica.

Il sindaco di Piacenza Paolo Dosi: “Lascia un segno indelebile nella comunità piacentina”

“Con il senatore Spigaroli, Piacenza perde non solo una delle sue figure più illustri sotto il profilo della politica e dell’impegno culturale, ma ancor prima una personalità che godeva della stima e del rispetto di tutta la cittadinanza”. Il sindaco Paolo Dosi, esprimendo il cordoglio dell’Amministrazione comunale per la scomparsa del presidente dell’Ente Farnese, sottolinea “il sentimento di profonda gratitudine della comunità piacentina nei confronti di Alberto Spigaroli, che alla guida della nostra città, come nei suoi mandati al Senato e alla Camera ha saputo interpretare la politica nella sua più alta accezione”.

Aggiunge Dosi: “E’ stato determinante, per la crescita della cultura del nostro territorio. Il suo impegno e il suo grande trasporto per il restauro di Palazzo Farnese e delle mura farnesiane, con il recente recupero del Bastione di via Campagna restituito alla collettività, rappresentano una testimonianza autentica e incancellabile della sua opera infaticabile per la tutela del patrimonio pubblico. Inoltre – prosegue il primo cittadino – i suoi tratti signorili hanno fatto di lui una persona che privilegiava il dialogo e i rapporti interpersonali. A modo suo, lascia un segno indelebile nella comunità piacentina, che saprà ricambiare con affetto e con grande senso di responsabilità quanto ha fatto il senatore Spigaroli per la nostra città”. 

Il presidente della Provincia Massimo Trespidi: “Un amico sincero e una persona appassionatamente dedita al bene comune”

“Un amico sincero e una persona appassionatamente dedita al bene comune”. Così il presidente della Provincia Massimo Trespidi, esprimendo il cordoglio dell’amministrazione provinciale, ricorda il senatore Alberto Spigaroli scomparso questa mattina.

“E’ stata una delle persone che a metà degli anni ’80 mi ha introdotto alla politica nella Democrazia Cristiana – ricorda Trespidi. In tutti i ruoli che ha rivestito nella sua lunga attività politica, sia da parlamentare che da membro del Governo, ha sempre saputo valorizzare Piacenza e il suo patrimonio artistico e culturale: alla sua opera instancabile si deve la straordinaria ricostruzione, rifioritura e valorizzazione di Palazzo Farnese”.

“Uomo di alta levatura morale e intellettuale, Spigaroli, utilizzando un lessico tipicamente democristiano, si può definire un vero “cavallo di razza” della politica”.

Paola De Micheli (Pd): “Ha fatto tanto per Piacenza, con la sua opera ha nobilitato la politica”

“Con la sua opera e il suo inesauribile impegno per Piacenza, nel corso della sua lunga e intensa vita, il senatore Alberto Spigaroli ha nobilitato come pochi altri la funzione della politica”. E’ il commento della parlamentare piacentina del Partito Democratico Paola De Micheli, dopo aver appreso della scomparsa del 92enne senatore ed ex sindaco di Piacenza.

“Con lui se ne va un grande protagonista della politica e della cultura – aggiunge – capace di incarnare un esempio per chi, come la sottoscritta, ha il privilegio di essere stata eletta in Parlamento. Basti scorrere la lunga esperienza di servitore dello Stato e della nostra comunità che ha contraddistinto l’esistenza di Alberto Spigaroli, per comprendere la sua caratura umana e intellettuale. La sua azione si è svolta sia nell’ambito amministrativo locale, sia in Parlamento, quando fu eletto nelle fila della Democrazia Cristiana, fino ad occupare importanti ruoli al governo del nostro Paese.

E non si è mai separata dalla dimensione culturale e dall’attaccamento alla sua città.

Spigaroli è stato inoltre un punto di riferimento per le scelte di tanti cattolici in politica nel corso di molte fasi cruciali della storia italiana, non ultima quella della nascita del centrosinistra e dell’Ulivo”.

“Ho avuto il privilegio di collaborare – prosegue la De Micheli – con lui anche in tempi recenti, in occasione dello sblocco di alcuni finanziamenti per il restauro di una porzione delle mura farnesiane. Del senatore Spigaroli ho sempre ammirato la costanza e la determinazione con la quale ha saputo lottare per la salvaguardia del patrimonio civile e culturale di Piacenza, con grande saggezza e lucidità fino all’ultimo, in qualità di presidente dell’Ente Farnese”.

“Tutta la comunità piacentina deve essere grata ad un uomo come il senatore Spigaroli, che ci ha lasciato una lezione di concretezza e di profondo amore per la sua terra, un amore che si è tradotto in opere e realizzazioni di cui oggi tutti noi possiamo beneficiare. Alla sua famiglia va tutto il mio affettuoso cordoglio”.

Marco Bergonzi (Pd): “Un Uomo, una persona davvero “come si deve”.

“Conoscere una persona come Alberto Spigaroli è stato per me un grande privilegio – scrive in una nota Marco Bergonzi -. Sono quelle (rare) persone che riescono a renderti fiducioso che le cose non possano che migliorare finchè ci sono Uomini così, persone “come si deve”, da prendere sempre come esempio nei comportamenti quotidiani, ed ancor più se ci si impegna nella vita pubblica, in politica, come ha fatto Lui, per autentica ed esclusiva passione. Perchè se di fronte ad ogni scelta, ti comporti come ritieni avrebbe fatto una Persona come Alberto Spigaroli, difficilmente sbagli”

“Un ciao commosso Senatore”.

Tommaso Foti (Fd’I): “Intelligente avversario politico”

In un post pubblicato su Facebook, contrassegnato da moltissimi “mi piace”, l’ex parlamentare piacentino Tommaso Foti (Fratelli d’Italia-Alleanza Nazionale) cosi commenta la scomparsa dell’ex senatore Alberto Spigaroli:                                           

”Il senatore Alberto Spigaroli è stato un intelligente avversario politico, che si è battuto – soprattutto in ambito culturale – per rendere migliore Piacenza, città dalla quale non si è mai distaccato. Se ne è andata una persona per bene, di altri tempi”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.