Quantcast

Alessandro Garofalo arriva all’Asd Pallacanestro Fiorenzuola 1972

E’ ufficiale l’arrivo a Fiorenzuola di Alessandro Garofalo: l’ex ala del Bakery ha raggiunto l’accordo con la società del presidente Alberti e lunedì 25 agosto (ore 19,30, al PalaMagni) sarà al raduno dell’Asd Pallacanestro Fiorenzuola 1972, al via del prossimo campionato di serie C.

Più informazioni su

E’ ufficiale l’arrivo a Fiorenzuola di Alessandro Garofalo: l’ex ala del Bakery ha raggiunto l’accordo con la società del presidente Alberti e lunedì 25 agosto (ore 19,30, al PalaMagni) sarà al raduno dell’Asd Pallacanestro Fiorenzuola 1972, al via del prossimo campionato di serie C.

L’accordo verbale tra Garofalo e la società valdardese era nell’aria già da qualche settimana, ma solo nelle ultime ore è stato ultimato. Piemontese di Chari, classe 1985, Alessandro Garofalo ha vestito in carriera le maglie di Iseo, Castelletto Ticino, Castelnuovo Sotto, Casale Monferrato, Faenza, Riva del Garda, Villafranca e appunto, nelle ultime due stagioni, quella del Bakery Piacenza.

Sono stati il progetto e la concretezza del vicepresidente Stefano Alberti a convincere un big come Garofalo ad accettare il progetto dell’Asd Pallacanestro Fiorenzuola 1972:

“Stefano Alberti – spiega Alessandro Garofalo – ha saputo trasmettermi una gran carica. Mi sembra una persona estremamente concreta: il progetto è serio e a lungo termine, la società vuole fare le cose con calma, ma senza lasciare nulla al caso”.

Alessandro Garofalo che cosa porta in dote?
“Voglio semplicemente dare il massimo, come ho sempre fatto in carriera”.

Che cosa ci può dire di coach Brotto?
“So che mi ha voluto fortemente, l’ho affrontato come avversario quando allenava a Cremona e tutti mi hanno detto di lui un gran bene”.

Ha già idea dove possa arrivare questa squadra?
“Ci siamo trovati in modo abbastanza inatteso in serie C, la squadra è ben fatta, sono convinto che ci possiamo divertire. E poi vorrei finalmente vincere un campionato, traguardo che in carriera mi è sempre sfuggito”.

E dei suoi due anni al Bakery che cosa ci dice?
“Ho imparato molto a livello tecnico e sono cresciuto parecchio anche sotto il profilo umano”.

Tra pochi giorni prenderà il via la preparazione.
“E’ una fase cruciale della stagione: serve a conoscerci meglio in campo e fuori, bisogna creare l’amalgama giusta per non andare in crisi nei momenti difficili”.  

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.