Quantcast

Appennino Festival, tre serate di musica in Val Trebbia

Si parte il 10 agosto sulla splendida balconata della Chiesa di Pigazzano. Il 12 agosto invece alle 21.15 l’Appennino Festival si sposterà a Coli. Infine il 15 agosto a Bobbio dalle 18 si terrà nel chiostro di San Colombano "Vinum bonum", una degustazione di vini della Val Trebbia con numerosi produttori della Valle  tra i quali  Stoppa, Poggiarello, Anguissola, Bonelli, Cervini, Croci, Pradelli

Più informazioni su

L’Appennino Festival approda in Val Trebbia. Lo fa con un trittico di appuntamenti in programma il 10, il 12 e il 15 agosto che mescolano la musica alla poesia, la tradizione colta a quella popolare delle Quattro Province, la storia degli Appennini a quella di Paesi lontani.

Si parte il 10 agosto sulla splendida balconata della Chiesa di Pigazzano alle 21.30 dove, come è ormai tradizione, l’Appennino Festival organizza l’evento legato alla notte di San Lorenzo: “Musica e poesia nella notte di San Lorenzo ” è il titolo dell’happening allegro e informale che vedrà alternarsi le letture poetiche a cura di Gabriele Dadati di Laurana Editore e di Valeria Noli della Società Dante Alighieri di Roma e la musica classica suonata da Leone Calza, violoncellista del Teatro San Carlo di Napoli che proporrà un omaggio a Bach, e dalla giovane arpista Sara Pavesi che si soffermerà invece su un repertorio dell’Ottocento francese. La serata sarà anche impreziosita dai nuovi brani della chitarrista e cantautrice Linda Sutti in partenza per la Germania, dai canti della tradizione marinara e dai brani originali di Francesco Rossi alla mandola, oltre che dal repertorio musicale della tradizione appenninica eseguito da Maddalena Scagnelli (voce e violino) e Nicola Rulli (chitarra).

Il 12 agosto invece alle 21.15 l’Appennino Festival si sposterà a Coli: nella chiesa di San Michele si terrà il concerto di Christoph Hartmann, oboista  dei Berliner Philharmoniker e presenza nota per gli affezionati dell’Appennino Festival. Per l’occasione Hartmann sarà accompagnato da Matteo Galli alla spinetta e da Maddalena Scagnelli al violino; l’evento vedrà partecipare anche Gabriele Dametti al piffero, l’oboe popolare dell’Appennino, e Franco Guglielmetti alla fisarmonica.

Infine il 15 agosto a Bobbio dalle 18 si terrà nel chiostro di San Colombano “Vinum bonum”, una degustazione di vini della Val Trebbia con numerosi produttori della Valle  tra i quali  Stoppa, Poggiarello, Anguissola, Bonelli, Cervini, Croci, Pradelli; alle 19.30 è previsto un momento musicale nell’antico refettorio incentrato sul repertorio medievale tratto dai Carmina Burana dedicato al vino e alla festa.

Da segnalare infine a margine del calendario, la Festa delle aie in programma il 13 agosto a Cerignale dalle 16, durante la quale il duo di piffero e fisarmonica composto da Stefano Valla e Daniele Scurati si esibirà nei brani tradizionali delle Quattro Province.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.