“Maggior parte del territorio comunale non soggetta a tassa di bonifica”

Lo ha stabilito, in questi giorni, con una sentenza di primo grado il Tribunale Civile di Piacenza, pronunciandosi sulla controversia relativa al contributo per gli immobili di proprietà comunale

Più informazioni su

Sentenza di primo grado del Tribunale di Piacenza: “La maggior parte del territorio comunale non soggetta a tassa di bonifica”

La quasi totalità del territorio comunale – nonché, di conseguenza, degli immobili che vi sono situati – non dev’essere assoggettata al tributo consortile: lo ha stabilito, in questi giorni, il Tribunale Civile di Piacenza, pronunciandosi sull’annosa controversia relativa al contributo di bonifica per gli immobili di proprietà comunale, che ha visto l’Amministrazione, difesa dall’avvocato Franco Spezia, opporsi al Consorzio di Bonifica di Piacenza e alla Regione Emilia Romagna. La sentenza di primo grado emessa dal giudice Gabriella Schiaffino con una lunga e articolata decisione potrà avere, se diverrà definitiva, risvolti di grande portata per tutta la cittadinanza.

La causa verteva sui tributi pagati dal Comune per gli immobili di sua proprietà tra il 1997 e il 2000, pertanto il Consorzio di Bonifica è stato condannato a restituire più di 160.000 euro oltre agli interessi legali. Il Tribunale ha ritenuto dovuto il tributo unicamente per gli immobili di proprietà del Comune ubicati nelle zone di Mortizza, Le Mose e Dossi di Roncaglia, in quanto ricevono un beneficio diretto dallo scolo delle acque nei cavi consortili. Tale beneficio di scolo deriva dal Diversivo Est, in gestione al Consorzio, che svolge azione di scolo delle acque piovane attraverso la rete di canali consortili, nonché dal Collettore Armalunga e dall’impianto di sollevamento Armalunga, tutti gestiti dal Consorzio.

Nel contempo, il Tribunale ha ritenuto che l’esistenza delle opere gestite dal Consorzio conferiscano al territorio – e quindi, di riflesso, agli immobili che vi sono ubicati – un mero beneficio generico che, in forza delle leggi in materia e dei precedenti di giurisprudenza consolidatisi, non giustifica la pretesa contributiva del Consorzio stesso. Il principio sancito dal Tribunale è che il beneficio dato dalla regimazione delle acque, derivante al restante territorio comunale dalle altre opere idrauliche gestite dal Consorzio, è non solo generale, ma anche mediato dalla rete fognaria realizzata dall’Amministrazione comunale e non incide direttamente a favore dei singoli immobili, per cui non è dovuto il contributo consortile per gli immobili di proprietà comunale siti nelle altre zone della città.

La sentenza si intreccia con la nuova richiesta inviata dal sindaco Paolo Dosi nei giorni scorsi al Ministero dell’Economia e delle Finanze e al Demanio regionale di ottenere la gestione diretta, da parte del Comune, degli impianti Finarda, Armalunga, canale Diversivo Est e Ovest, attraverso una concessione prodromica anche all’acquisizione della proprietà. Ciò consentirebbe una gestione e manutenzione diretta degli impianti collegati alla rete fognaria da parte del soggetto gestore della rete, oggi Iren, con risparmio di spesa e una funzionalità di cui beneficerebbe la collettività locale.

Foti (Fd’I-AN): “No al contributo di bonifica nella città di Piacenza”

“Già nel 2010 il Tribunale di Piacenza aveva condannato il Consorzio di Bonifica a restituire i contributi riscossi per gli immobili della Amministrazione Provinciale posti nel territorio urbano di Piacenza, avendo accertato solamente l’esistenza di un beneficio generico e, quindi, non suscettibile di legittimare la contribuenza “.

Lo afferma Tommaso Foti, consigliere comunale di Fratelli d’Italia-Alleanza Nazionale, che aggiunge: ” Oggi lo stesso Tribunale, pronunciandosi sulle cause avviate dalla giunta di centrodestra nei confronti del Consorzio e della Regione, non solo conferma i principi di cui sopra, ma evidenzia come gran parte degli immobili ubicati sul territorio comunale non sono assoggettabili al contributo di bonifica.”

“In verità, non si sarebbe dovuto attendere il pronunciamento del giudice di primo grado per eliminare un balzello che tale è e rimane – continua il consigliere di Fratelli d’Italia – se la sinistra avesse dato seguito a quanto sostenuto nella campagna elettorale comunale, quando assicurava che gli immobili siti nelle aree urbane sarebbero stati esonerati dal pagamento del contributo di bonifica. Nei fatti, portata a casa l’elezione del sindaco Dosi, in Regione la sinistra, con il complice silenzio dell’opposizione, ha approvato una legge fatta apposta per cercare di mettere in sicurezza la contribuenza pretesa dal Consorzio nella città di Piacenza.”

“E’ da anni che mi batto – continua Foti – perché questa vera e propria gabella, che sottopone i proprietari d’immobili della città di Piacenza a pagare due volte lo stesso contributo, sia abolita. Così come da anni, ancorché isolato dalla restante parte del mondo politico, denuncio le gravissime responsabilità della Regione nella consegna delle opere di bonifica costruite dallo Stato (a proprie spese, nella prima metà del secolo scorso) al Consorzio, invece che al Comune di Piacenza che le reclama da decenni.”

“Anche nell’omessa consegna delle opere di bonifica vi è dietro un giochetto tutto partitico – polemizza il consigliere di F’dI- Alleanza Nazionale – volto a consentire al Consorzio d’imporre una contribuenza annua di circa 2 milioni di euro alla sola città di Piacenza, a fronte di una spesa di manutenzione delle opere in questione che il Comune di Piacenza aveva, a suo tempo, calcolato in circa 40 mila euro odierni.”

“C’è solo da augurarsi – conclude Foti – che dopo quest’ultima decisione del Tribunale di Piacenza, anche i rappresentanti delle associazioni di categoria che partecipano alla gestione del Consorzio battano un colpo a favore della riconduzione ad equità, oltre che al rispetto della legge, della contribuenza”.

Pollastri (FI): “Plaudo alla sentenza del Tribunale, Piacenza non deve pagare il contributo di bonifica”
 
“La notizia della sentenza del Tribunale Civile di Piacenza, seppur trattasi di primo grado, che stabilisce che gran parte del territorio comunale del capoluogo non è tenuto al pagamento del contributo di bonifica, è senza dubbio positiva e mi auguro sia prodromica a una definitiva abolizione di questo iniquo balzello per i cittadini di Piacenza, come più volte richiesto dal centrodestra”. Lo afferma il consigliere regionale di Forza Italia, Andrea Pollastri, che commenta così la sentenza del Tribunale Civile secondo la quale la maggior parte del territorio comunale di Piacenza gode di un beneficio generico dalla bonifica, mediato dalla rete fognaria realizzata e gestita dall’Amministrazione comunale. “Esattamente quello che come centrodestra è sempre stato sostenuto, cioè che i piacentini erano – e sono – soggetti a un illogica doppia contribuenza”.
Due anni fa il consigliere regionale di Forza Italia aveva votato, unico in tutta l’Aula della Regione Emilia-Romagna, contro le “Disposizioni per la bonifica” proposte dalla Giunta e approvate dalla maggioranza di sinistra: “Si trattava e si tratta di un provvedimento tutto fumo e niente arrosto che non risolveva alcune evidenti iniquità come quelle denunciate per la città di Piacenza – ricorda Pollastri – Avevo proposto ordini del giorno e anche 10 emendamenti che riprendevano sentenze della Cassazione, del Tribunale di Piacenza e dell’Agenzia Tributaria, che miravano a un miglioramento della Legge e che andavano nella direzione del buonsenso e dell’interesse dei cittadini, sottolineando la sproporzione tra tassa e beneficio. Purtroppo furono tutti frettolosamente bocciati, probabilmente perché arrivavano dall’opposizione”.
“Bocciata fu anche la mia proposta che prevedeva che le opere realizzate dallo Stato – continua Pollastri – come i canali diversivi est e ovest nel caso di Piacenza, potessero andare in gestione agli Enti Locali che ne facessero richiesta.  Questo passaggio avrebbe significato per Piacenza e per i piacentini un significativo risparmio per la manutenzione, pagato sotto forma di tassa in questi anni”.
“Esprimendo quindi soddisfazione per la sentenza del Tribunale Civile di Piacenza – conclude il consigliere regionale di Forza Italia – auspico che la sentenza diventi presto definitiva nei diversi gradi della Legge, in modo che si possa finalmente giungere all’eliminazione di questo iniquo balzello che la sinistra nei fatti non ha mai inteso abolire”.

Cavalli, Lega Nord: “Bene la sentenza di condanna del Consorzio di bonifica di Piacenza: ora intervenga anche la Regione”
 
“La sentenza del Tribunale di Piacenza che esonera gli immobili di proprietà comunale dal pagamento del tributo di bonifica va finalmente nella giusta direzione” – afferma Stefano Cavalli, Consigliere Regionale della Lega Nord.
“Da oltre dieci anni, in maniera pressoché solitaria,” – prosegue l’esponente del Carroccio – “il nostro Movimento si batte per l’abolizione di questo gravoso balzello, per cui non possiamo che augurarci una sentenza definitiva e le dimissioni del Presidente del Consorzio di bonifica di Piacenza appena la condanna verrà confermata.
Se i vari esponenti istituzionali che ora pontificano in modo saccente avessero avuto la nostra concreta energia nel contrastare le politiche di riscossione e di sprechi del Consorzio di bonifica piacentino forse si sarebbe arrivati prima a questo risultato.
La Lega Nord, grazie all’azione continua dei vari Consiglieri che si sono alternati in Regione, è l’unica forza politica di opposizione che si è battuta ed ha ottenuto un ridimensionamento degli stipendi dei Presidenti dei consorzi e migliorie per i nostri cittadini nella legge regionale recentemente approvata.
Chiediamo perciò che la Regione, alla quale già avevamo richiesto (invano) di respingere l’approvazione del bilancio di previsione 2013 dell’ente, si decida ora ad intervenire in maniera energica, commissariando (come da tempo auspichiamo) il Consorzio di bonifica di Piacenza e facendo chiarezza sulla sua gestione complessiva.
 
Per recuperare la fiducia dei cittadini piacentini,” – conclude Cavalli – “le autorità di Viale Aldo Moro dovrebbero anche farsi garanti della restituzione dei tributi ingiustamente versati per anni dai contribuenti al Consorzio di bonifica”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.