Quantcast

Scabbia all’ospedale, Cavalli (Lega) “Basta importare immigrati”

Intervento del consigliere regionale Lega Nord Stefano Cavalli. 

Più informazioni su

Intervento del consigliere regionale Lega Nord Stefano Cavalli. 

Un caso di scabbia accertato dopo il ricovero al pronto soccorso dell’ospedale Guglielmo da Saliceto di Piacenza. Altri quelli diagnosticati, in una “preoccupante escalation”, dice il consigliere regionale leghista Stefano Cavalli che presenterà una richiesta atti in Regione, per chiedere: “Quanti casi siano stati segnalati sull’intero territorio emiliano romagnolo e in quale percentuale rispetto agli altri anni”, “quali le misure adottate nel caso di patologie accertate”.

Il consigliere leghista ha raccolto, tra le altre, la denuncia di una paziente ultraottantenne ricoverata settimane fa. La donna contesta le condizioni igieniche in cui sarebbe stata lasciata all’interno del reparto. Passato qualche giorno dal ricovero (il tempo di incubazione della malattia è di 4-6 settimane) l’anziana ha lamentato pruriti, diventati presto insopportabili. Il medico contattato ha disposto specifici esami del sangue e – a seguito di visita specialistica in dermatologia – è stata diagnostica proprio la scabbia. Da ambienti del reparto è trapelata la preoccupazione per l’imminente apertura delle scuole, i giovanissimi sarebbero quindi giudicati a rischio contagio. 
 

Per Cavalli “è preoccupante che ricompaiano malattie che pensavamo di aver scongiurato da anni. Il frequente riscontrarsi di patologie di ‘importazione’ deve essere un campanello d’allarme. La situazione sta degenerando. E c’è grande preoccupazione per i nostri anziani e giovani, i più esposti a questo genere di malattie”.  “Anche Piacenza sta pagando a caro prezzo le conseguenze del buonismo del governo, che continua ad accogliere clandestini, fregandosene dei gravissimi effetti, anche sotto il profilo sanitario, che la politica delle porte aperte sta provocando”.

Cavalli invoca “accertamenti sulle condizioni igieniche del reparto”, e “lo stop alle politiche dell’accoglienza”. “Basta clandestini, si proceda subito ai respingimenti. E Alfano deve dimettersi, il suo ‘Mare nostrum’, infernale macchina da sbarchi, è diventato una minaccia per il Paese”. “Il costo sociale di questa immigrazione non è sostenibile ed è inammissibile che siano i nostri anziani e giovani, i soggetti più esposti, a pagarne le conseguenze”.    

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.